Mercoledì 07 Settembre 2016 - 15:45

Roma, maltrattamenti in asilo: condannate tre maestre

I bambini venivano costantemente picchiati e in alcuni casi legati alle sedie

Roma, maltrattamenti in asilo: condannate tre maestre

Sono state condannate le tre maestre dell'asilo 'Il nido nel parco' accusate di maltrattamenti nei confronti dei piccoli ospiti della struttura situata nel quartiere Aurelio di Roma. Il processo, con rito abbreviato, si è concluso con una condanna a 3 anni e 4 mesi per Manuela Giuliani, 62 anni, la più anziana delle educatrici, che era finita agli arresti domiciliari nell'aprile scorso, e due condanne a 2 anni e 2 mesi per Maria Caterina Melis e Maria Rosaria Finotti, rispettivamente 56 e 61 anni.

La pm Vittoria Bonfanti, titolare del fascicolo di inchiesta, aveva chiesto una pena di 4 anni e 4 mesi di carcere per la prima e 3 anni ed 8 mesi per le altre due.

Il giudice ha respinto le richieste di risarcimento da parte del Comune di Roma, mentre verranno decise in sede civile le entità del risarcimento nei confronti dei bambini vittime dei maltrattamenti e dei loro familiari.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma: scontro Acea-Regione. Acqua razionata dal 28? Appello della Raggi.

La società idrica contesta la decisione di Zingaretti di vietare la captazione dal lago di Bracciano. La sindaca: "Mettetevi d'accordo

Conferenza per la presentazione di "La Ricerca della Legalità'"

Pignatone: "Nel processo anche sconfitte. Ma la mafia a Roma c'è"

Il procuratore capo intervistato da Repubblica, esamina i dati della sentenza. "A giugno sequestrati beni per 520 milioni"

Roma, stop ai prelievi dal lago di Bracciano: Acea raziona l'acqua

Il no del governatore Zingaretti impone una 'rigida turnazione' a 1 milione e mezzo di romani

Aula bunker di Rebibbia - Attesa della sentenza del processo Mafia Capitale

Orfini: La mafia a Roma è radicata. Raggi: Politica sotto scacco

In risposta alla sentenza Mafia Capitale che ha fatto cadere l'accusa di associazione di stampo mafioso