Lunedì 09 Gennaio 2017 - 12:30

Lascia figlio di 3 anni in auto per giocare alle slot: arrestato

E' successo a Ostia, in provincia di Roma, alle 4 di notte

Lascia figlio di 3 anni in auto per giocare alle slot: arrestato

Lascia in auto da solo e al freddo il figlio di tre anni per andare a giocare alle slot machines. I carabinieri salvano il bimbo da una possibile ipotermia e arrestano il padre per abbandono di minore. E' successo a Ostia, in provincia di Roma, alle 4 di notte. Alcuni passanti hanno segnalato ai carabinieri la presenza di un bimbo da solo in auto. La vettura si trovava in via Casana a Ostia e aveva il lunotto posteriore rotto, sostituito da una pellicola di cellophane.

I militari hanno indicato al bambino il pulsante da schiacciare per aprire le portiere. Una volta fuori dalla vettura è stato avvolto dai giacconi dei carabinieri ed è stato portato al pronto soccorso per accertare che stesse bene. Nel mentre i carabinieri hanno cercato il proprietario dell'auto e padre del bambino. Solo dopo circa un'ora il padre è stato rintracciato mentre ancora era intento a giocare alle macchinette. Ora l'uomo di 33 anni dovrà rispondere di abbandono di minore. Il bambino è stato riaffidato alla madre.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Cassino, si è suicidato il padre accusato di abusi dalla figlia minorenne

Il corpo senza vita trovato impiccato in una chiesa in località Castello a Roccasecca. La denuncia della ragazzina arrivata attraverso un tema in classe

Nuvole, poi arriva il sole: il meteo del 22 e 23 gennaio

Le previsioni dell'Aeronautica militare

Torino, crollato un pezzo della scenografia della Turandot al Regio

Roma, preso in Spagna Pellegrinetti: latitante della Banda Magliana

Era ricercato d 15 anni. Condannato in via definitiva a 13 anni di carcere

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Mafia, maxi blitz con 56 arresti. In manette anche un sindaco

Il pizzo veniva preteso dalle cooperative per la gestione degli immigrati richiedenti asilo