Venerdì 24 Febbraio 2017 - 17:30

Raggi dimessa dopo il malore: partecipa a vertice su stadio Roma

La prima cittadina ha raggiunto il Campidoglio per la riunione con il club

Roma, la sindaca Raggi lascia l'ospedale dopo il malore

La sindaca di Roma Virginia Raggi ha lasciato l'ospedale San Filippo Neri, dove era stata ricoverata stamane per accertamenti inseguito a un malore. Raggi è ora in Campidoglio per la riunione con la As Roma. 

 

 

La prima cittadina è stata sottoposta in a una serie di accertamenti presso la struttura, dove si era recata stamane, alle 9. Le condizioni di Raggi, dopo il malore sono apparse subito "in netto miglioramento", come aveva sottolineato il direttore sanitario del San Filippo Neri in Roma, leggendo ai giornalisti il primo bollettino medico. La sindaca era giunta stamattina alle ore 8.54, con mezzi propri, presso il pronto soccorso per la comparsa di un malore improvviso. "Sono stati eseguiti gli accertamenti clinici e diagnostici necessari e non sono state riscontrate alterazioni significative", si legge nel bollettino medico divulgato da Massimo Magnanti, direttore pronto soccorso San Filippo Neri.

LEGGI ANCHE Solidarietà a Raggi dopo malore, M5S: Siamo con te, daje Virgì

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Assemblea Nazionale del Partito Democratico

Commissioni, accordo chiuso: Guerini al Copasir, Barachini alla Vigilanza Rai

Dopo oltre due settimane di trattative, scontri, accuse e ricuciture, sembra essere finalmente giunto l'happy ending per le commissioni parlamentari di garanzia

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, la cognata del boss: prima pentita del clan Casamonica

Debora C. ex moglie di Massimiliano Casamonica, decisiva nell'indagine che ha portato a 37 arresti. "Loro incutono timore e nessuno li denuncia"

Trapani, cominciato lo sbarco dei migranti dalla nave Diciotti

Sbarchi, la Spagna supera l'Italia, ma il primato dei morti resta nostro

I dati dell'Oim mostrano un crollo complessivo degli arrivi e una forte redistribuzione a favore di Spagna e Grecia