Martedì 28 Febbraio 2017 - 13:15

Roma, chiesto giudizio immediato per Marra e Scarpellini

Entrambi sono accusati di corruzione e sono stati arrestati nel dicembre scorso

Roma, la procura ha chiesto il giudizio immediato per Marra e Scarpellini

 Gli inquirenti che indagano sulla vicenda Marra-Scarpellini hanno chiesto per i due il giudizio immediato, che consente di saltare l'udienza preliminare portando il processo direttamente in aula. Raffaele Marra, ex capo del personale del Campidoglio, e l'imprenditore Sergio Scarpellini sono entrambi accusati di corruzione e sono stati arrestati nel dicembre scorso. 

Secondo gli inquirenti, Scarpellini avrebbe pagato a Marra alcuni immobili per corromperlo. I due sono finiti in manette il 16 dicembre scorso: Scarpellini è passato ai domiciliari dopo pochi giorni, mentre l'ex funzionario comunale è tuttora detenuto a Regina Coeli. "Le insistenti regalie fatte negli anni 2010 e 2013 dallo Scarpellini in favore del Marra - si legge nell'ordinanza di custodia cautelare eseguita a metà dicembre - trovano ragionevole spiegazione esclusivamente in una logica corruttiva, stante le funzioni pubbliche svolte all'epoca dal Marra in settori connessi agli interessi imprenditoriali dello Scarpellini". Il Gruppo Scarpellini ha, da anni, convenzioni urbanistiche milionarie con l'amministrazione romana "che richiedono - sostiene il gip - l'emanazione di provvedimenti amministrativi da parte sia del Comune di Roma sia della Regione Lazio", realtà nelle quali Marra ha avuto posizioni dirigenziali negli anni presi in esame dagli inquirenti. Le compravendite immobiliari al centro dell'inchiesta risalgono agli anni passati, ma il 30 giugno 2016, Marra, all'epoca braccio destro della sindaca Virginia Raggi, parlando al telefono con la segretaria di Scarpellini, assicurava di essere "totalmente a disposizione"  dell'imprenditore.
 

Secondo la procura, tra le 'regalie' di Scarpellini a Marra ci sarebbe il pagamento da parte dell'imprenditore di buona parte dell'appartamento nel quale Marra risiede, da lui acquistato nel 2013 dall'Enasarco, e per il quale Scarpellini avrebbe fornito oltre 367 mila euro.Marra è anche indagato in un'altra inchiesta nella quale deve rispondere di abuso d'ufficio insieme alla sindaca Virginia Raggi (accusata anche di falso in atto pubblico) per la nomina del fratello, Renato Marra, a capo del dipartimento Turismo del Comune. Due settimane fa, Marra, per bocca dei suoi legali, ha fatto sapere ai pm di esser disposto a un nuovo interrogatorio solo a indagini concluse sia sulla vicenda che lo vede indagato per corruzione con Scarpellini, sia su quella nella quale risponde di abuso d'ufficio con Virginia Raggi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Mafia, due milioni di risarcimento alla famiglia del 13enne ucciso per vendetta

Giuseppe Di Matteo sequestrato e sciolto nell'acido perché il padre era un pentito

Cielo tra sole e nuvole, poi arrivano i temporali: il meteo del 22 e 23 luglio

Per i meteorologi del Centro Epson Meteo, tempo instabile da nord a sud. Settimana con caldo nella norma

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

'Ndrangheta, agguato nel Reggino: ucciso un uomo, ferito grave bambino

I killer hanno aperto il fuoco in un terreno di proprietà del 39enne, pregiudicato e ritenuto appartenente all'omonima cosca. Grave il bimbo di 10 anni che era con lui

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori