Lunedì 11 Gennaio 2016 - 00:45

Roma, incendio in zona industriale: 100 migranti sfollati

Le fiamme si sono sviluppate nella notte in un'ex fabbrica del quartiere Prenestino

Incendio in un'ex fabbrica di Roma

Un incendio di vaste dimensioni si è sviluppato nella notte in una ex fabbrica del quartiere Prenestino di Roma, in via Collatina 385, e ha reso necessario sfollare una trentina di baracche adiacenti al luogo del rogo dove vivevano un centinaio di migranti. Dieci squadre dei vigili del fuoco sono intervenute per spegnere le fiamme. Sul posto anche polizia e 118 per accudire gli sfollati, tra i quali c'è stata tanta paura ma nessun ferito. Ancora incerte le cause del rogo che si è sviluppato poco prima di mezzanotte e rapidamente, a causa dei tanti rifiuti presenti negli scantinati dell'ex fabbrica. I migranti, in prevalenza etiopi ed eritrei, che occupavano lo stabile dove si sono sviluppate le fiamme, era stati tutti identificati un mese fa nell'ambito dei controlli per la sicurezza per il Giubileo. Nelle baracche adiacenti ai locali vivevano altri stranieri e rom. Tutti gli occupanti dei locali, alcuni dei quali intossicati in modo non grave, e delle baracche nelle immediate vicinanze della struttura sono stati sfollati e hanno passato la notte in strada.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prof bullizzato a Lucca: perquisita casa dei 6 15enni indagati

Il consiglio di classe ha poi proposto la bocciatura di cinque studenti

Giallo a Udine: coppia di anziani trovata morta in canale di irrigazione

Al vaglio anche l'ipotesi di omicidio suicidio: la moglie da tempo era costretta su una sedia a rotelle

Ambulanze a Milano

Massa Carrara, incidente dopo la serata: 4 ragazzi morti, 1 ferito

L'auto ha sbandato finendo contro una cancellata. I cinque giovani tornavano a casa dopo una notte passata in un locale della zona

Trattativa Stato-mafia, dopo 5 anni di processo arriva la sentenza

Stato-mafia, M5S: "Giornata storica". Berlusconi e Fi pronti a querelare pm

Una sentenza che fa discutere e che rende ancora più aspri i toni dello scontro politico