Mercoledì 14 Dicembre 2016 - 17:45

In fiamme casa dell'attrice Biagini. Testimoni: Rogo per una stufa

La donna è ora ricoverata in codice rosso in ospedale

Roma, in fiamme casa dell'attrice Biagini. Testimoni: Rogo per una stufa

Alle 12.15 di oggi un violento incendio ha distrutto l'appartamento in cui viveva l'attrice Isabella Biagini, a Roma. La donna, 73 anni, come ha raccontato Barbara d'Urso a 'Pomeriggio 5', su Canale 5, è corsa giù dalla casa al secondo piano in via Nomentana 525 in stato confusionale ed è ora ricoverata in codice rosso in ospedale. Fra oggi e domani sarebbe arrivato lo sfratto. Non si hanno notizie preciso sulla dinamica. Vincenzo, il barista della zona, ha dato l'allarme e ha detto: "Biagini è scesa scalza, vestita come si veste a casa, con fuseaux e maglietta. Non mi sembrava da codice rosso. Penso che abbia bisogno di molta protezione. All'inizio ho visto tanto fumo, ho chiamato subito i pompieri e le fiamme sono aumentate. Mia donna è salita. Una coperta è cascata sopra la stufa e la signora Isabella era nel pianerottolo".

In onda durante il programma di Canale 5 le prime immagini dopo il rogo. "Ho incontrato la signora Biagini sulle scale e mi ha detto che per una stufetta è andato a fuoco tutto", ha detto un altro testimone all'inviata. "Totalmente distrutto. Non si respirava sulle scale. La situazione è pericolosa anche per i vicini. Sono riuscito ad arrivare da mia madre e l'ho tranquillizzata".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Navi Open Arms sbarcate a Palma: a bordo i due corpi e Josefa. Ong denuncia Libia e Italia per omicidio colposo

I cadaveri della donna e del bimbo, recuperati a largo delle coste della Libia, erano stati ripresi in un video choc pubblicato dall'ong su Twitter. La superstite tratta in salvo sarà affidata alle cure mediche. Nuovo sbarco a Lampedusa

L'automobile della Guardia di Finanza parcheggiata

Palermo, rete di Caf favoriva l'immigrazione clandestina: 9 arresti

Inoltravano istanze per il rinnovo o l'ottenimento del permesso di soggiorno sulla base di documentazione fiscale e assunzioni fittizie