Martedì 26 Settembre 2017 - 15:00

Crollo al Flaminio, pm chiede un anno di carcere per proprietario

Rigo De Righi è accusato di disastro colposo insieme ad altre tre persone

Sopralluogo al palazzo crollato sul Lungotevere Flaminio

Un anno di carcere. E' la richiesta di pena arrivata dalla procura di Roma per il proprietario dell'appartamento al quinto piano di Lungotevere Flaminio 70, crollato la notte tra il 21 e 22 gennaio del 2016. Giuseppe Rigo De Righi, questo il nome dell'uomo, è accusato di disastro colposo insieme ad altre tre persone ed è il solo ad aver chiesto il giudizio con rito abbreviato, che permette uno sconto di un terzo della pena.

Nel periodo precedente al crollo, nell'appartamento di De Righi erano stati avviati lavori di ristrutturazione per la creazione di un open space, durante i quali erano stati abbattuti alcuni tramezzi. Secondo l'accusa proprio i lavori avrebbero provocato il cedimento dell'appartamento, all'ultimo piano, sotto il quale sono crollati altri due piani.

Durante udienza preliminare, che si è tenuta oggi davanti al gup Costantino De Robbio, la pm Antonella Nespola ha chiesto la condanna di De Righi e il rinvio a giudizio dell'architetto, del progettista e del titolare della ditta dei lavori.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presunti abusi nel collegio dei chierichetti: il Vaticano apre una nuova indagine

Nuova inchiesta sul preseminario 'San Pio X'. Il tema scottante affrontato nel nuovo libro di Nuzzi

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"