Mercoledì 15 Marzo 2017 - 13:30

Corruzione in sanità: Angelucci indagato per traffico influenze

Il deputato di Forza Italia è coinvolto nell'inchiesta che oggi ha portato a 9 arresti

Roma, corruzione in sanità: Angelucci indagato per traffico influenze

L'imprenditore Antonio Angelucci, deputato di Forza Italia, è indagato per traffico di influenze nell'ambito dell'inchiesta dei carabinieri del Nas che ha portato stamani a nove arresti per reati che vanno dalla corruzione alla turbativa d'asta.

Angelucci, secondo le accuse della procura di Roma, avrebbe cercato qualcuno che intervenisse per lui per avere una sentenza favorevole in Cassazione, in merito a un sequestro preventivo. Per avere un aiuto avrebbe contattato Maurizio Ferraresi, medico dirigente della asl Rm 1, finito in manette stamani e che nella inchiesta risponde di reati legati a questa e altre sue vicende.

Ferraresi, avrebbe assicurato aiuto a Angelucci, chiedendo in cambio ad Angelucci l'assunzione delle fidanzate dei suoi due figli, e si sarebbe rivolto a Franco Amedeo, un ex magistrato della Cassazione in pensione. Amedeo, a sua volta, avrebbe promesso aiuto in cambio di un certificato medico falso da Ferraresi che serviva a una sua amica per un'operazione di plastica al seno. Il certificato di Ferraresi era necessario a fare avere alla donna la mastoplastica attraverso il servizio sanitario nazionale e non privatamente.

Stretto l'accordo, Amedeo provò a parlare con il giudice della Cassazione che doveva prendere la decisione su Angelucci ma il giudice lo respinse e la corruzione finì in un buco nell'acqua. Amedeo è indagato per corruzione.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, è morta la 13enne risucchiata dal bocchettone di aspirazione della piscina

È successo in un hotel di Sperlonga mentre stava facendo il bagno. Portata al policlinico Gemelli, non ce l'ha fatta

Fiamme negli studios di Cinecittà: distrutto il set dell'Antica Roma

L'incendio è divampato nella notte: a fuoco parti di rivestimenti e strutture di alcune scenografie. Basilica Aemilia non esiste più. Non ci sono feriti

Buche e asfalto disastrato a Roma

"Segnate le buche a Roma. O altri moriranno come mia figlia"

L'appello della madre di Elena Aubry, morta sulla Ostiense il 6 giugno scorso. E molti prendono le bombolette per tracciare il dissesto delle strade