Martedì 07 Novembre 2017 - 16:00

Roma, blitz nel campo rom degli indagati per stupro di due 14enni: 9 arresti

I carabinieri in via di Salone dove vivevano i giovani accusati di aver violentato due ragazzine

Neonato ritrovato morto a Musile di Piave

Degrado, miseria e illegalità diffusa. È il panorama che emerge dalla mattinata di controlli dei carabinieri nel campo nomadi di via di Salone, alla periferia est di Roma. Lo stesso nel quale abitavano i due ventenni ora in carcere a Regina Coeli per lo stupro di due ragazze 14enni al Collatino. Duecento persone sono state identificate, 20 delle quali sottoposte a misure restrittive: due gli arresti per spaccio, con decine di dosi sequestrate, e sette le persone, che avevano occupato abusivamente altrettanti moduli abitativi, finite in manette per furto di energia elettrica con allacci abusivi.

Nel campo, tra baracche e sporcizia, ci sono le abitazioni in cui risiedono Mario Seferovic e Maikon Halilovic, i due giovani di origini bosniache finiti in carcere la scorsa settimana perché accusati dello stupro delle due ragazze, avvenuto sei mesi fa nel quartiere Collatino.

Durante i controlli di oggi nel campo, che hanno impegnato cento carabinieri e personale dell'Acea, dieci persone prive di documenti di identità sono state accompagnate in caserma per l'identificazione, e per due di loro si sta valutando l'espulsione dal territorio nazionale. Cinque tra furgoni e auto sono stati sequestrati perché privi di assicurazione e decine di violazioni in materia ambientale sono state rilevate.

Intanto, dalla cella in cui sono rinchiusi, Seferovic e Halilovic negano di aver fatto ciò che viene loro contestato: sono accusati di sequestro di persona e violenza sessuale in concorso. Secondo quanto riferito dalle due adolescenti, mentre Halilovic faceva da palo, Seferovic portava le due giovani in un boschetto, le spogliava, ammanettava a una recinsione, e minacciava prima di stuprarle entrambi. Le ragazze hanno denunciato quanto avvenuto un mese dopo i fatti, di lì sono partite le indagini che hanno portato all'identificazione dei due ventenni. Il 2 agosto scorso, nel corso di un incidente probatorio, le giovani hanno confermato la ricostruzione dei fatti, e venerdì scorso i due rom sono stati arrestati.

Scritto da 
  • Alessandra Lemme
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, blitz Casamonica: al via gli interrogatori di garanzia per arrestati

Tra i primi a comparire davanti al gip, avvalendosi della facoltà di non rispondere, è stato Domenico Strangio, ritenuto dagli inquirenti l'esponente dell'omonima cosca della Locride, che riforniva il clan di cocaina

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Mafia, la cognata del boss: prima pentita del clan Casamonica

Debora C. ex moglie di Massimiliano Casamonica, decisiva nell'indagine che ha portato a 37 arresti. "Loro incutono timore e nessuno li denuncia"

Roma, inizio del processo ai carabinieri coinvolti nel caso Cucchi

Cucchi, madre in lacrime in aula: "Dal cadavere non l'ho riconosciuto"

Il toccante racconto di Rita Calore, mamma del geometra morto il 22 ottobre 2009 alcuni giorni dopo l'arresto per droga. Sono cinque i carabinieri coinvolti nel processo