Giovedì 28 Novembre 2013 - 15:00

Roma, concessi i domiciliari a Gabriele Paolini

IMG

Roma, 29 nov. (LaPresse) - Gabriele Paolini va ai domiciliari. Il Riesame ha così deciso dopo la richiesta degli avvocati del noto disturbatore televisivo, in carcere al 10 novembre scorso con l'accusa di induzione e sfruttamento della prostituzione minorile, e di detenzione di materiale pedopornografico. La Procura aveva dato parere negativo. L'indagato adesso andrà nella casa dei genitori. Durante l'interrogatorio di garanzia, Paolini ha detto di avere una relazione sentimentale con uno dei due 17enni che gli investigatori hanno individuato come sue vittime, invece ha ammesso solo "un'affettuosa amicizia" nei confronti di altri minori che per la procura sarebbero stati adescati in cambio di soldi. I video sequestrati dai carabinieri, sempre secondo alle dichiarazioni del disturbatore, sarebbero stati esclusivamente per uso personale. Ma per il gip, quella di Paolini è una condotta "gravissima", messa in atto con "freddezza, professionalità e abilità". Nelle 14 pagine di provvedimento Alessandra Tudino aveva descritto "un quadro di assoluta svalutazione della altrui libertà, con acclarata incapacità di governo dei propri impulsi antisociali".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Calabria, ucciso a colpi di pistola in spiaggia a Nicotera Marina

Omicidio in spiaggia a Nicotera: si costituisce presunto killer

Francesco Timpano era stato freddato in un noto lido balneare il 12 agosto scorso

THEMENBILD, Tourismus am Mont Blanc

Muore alpinista italiano sul Monte Bianco. Saliva in solitaria non assicurato

La tragedia sulle Grandes Jorasses. Caduta di 600 metri. Due vittime domenica sul versante svizzero del Cervino

Maltempo in Calabria, escursionisti travolti dalla piena di un torrente: 10 morti

Tragedia nelle gole del Raganello a Civita di Castrovillari (Cosenza). Si cercano i dispersi, 23 salvati

Crollo ponte Genova: posizionato georadar che monitora i tronconi

Il Procuratore Cozzi: "Inchiesta lunga. Non escluse concause geologiche o sismiche"

Parla a LaPresse il capo della Procura di Genova. Esclusa la questione del meteo. Autorizzate rimozioni. Imprevedibilità? "No, un ponte è fatto per stare in piedi"