Giovedì 28 Novembre 2013 - 15:00

Roma, concessi i domiciliari a Gabriele Paolini

IMG

Roma, 29 nov. (LaPresse) - Gabriele Paolini va ai domiciliari. Il Riesame ha così deciso dopo la richiesta degli avvocati del noto disturbatore televisivo, in carcere al 10 novembre scorso con l'accusa di induzione e sfruttamento della prostituzione minorile, e di detenzione di materiale pedopornografico. La Procura aveva dato parere negativo. L'indagato adesso andrà nella casa dei genitori. Durante l'interrogatorio di garanzia, Paolini ha detto di avere una relazione sentimentale con uno dei due 17enni che gli investigatori hanno individuato come sue vittime, invece ha ammesso solo "un'affettuosa amicizia" nei confronti di altri minori che per la procura sarebbero stati adescati in cambio di soldi. I video sequestrati dai carabinieri, sempre secondo alle dichiarazioni del disturbatore, sarebbero stati esclusivamente per uso personale. Ma per il gip, quella di Paolini è una condotta "gravissima", messa in atto con "freddezza, professionalità e abilità". Nelle 14 pagine di provvedimento Alessandra Tudino aveva descritto "un quadro di assoluta svalutazione della altrui libertà, con acclarata incapacità di governo dei propri impulsi antisociali".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Comizio Forza Nuova e Fiamma Tricolore

Militante Fn aggredito a Palermo, perquisizioni e antagonisti in Questura

Sono scattati i controlli in uno studentato e in alcune abitazioni, riconducibili ad ambienti di sinistra

Macerata, tensioni in occasione della visita di Roberto Fiore

Perugia, accoltellato militante di Potere al popolo mentre attacca manifesti elettorali

Il 37enne ha raccontato alla polizia di essere stato accerchiato e colpito più volte. Medicato in ospedale: non è grave

Maltempo in tutta Italia con pioggia e nuvole: il meteo 21 e 22 febbraio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'Aeronautica militare

Milano, Comizio Forza Nuova e Fiamma Tricolore

Palermo, aggredito e pestato in strada militante di Forza Nuova

Gli aggressori avrebbero circondato, legato e picchiato Massimo Ursino, portato poi in ospedale