Mercoledì 20 Aprile 2016 - 19:15

Roma, incontro Berlusconi-Bertolaso nessuna richiesta ritiro

Attesa per l'ufficio di presidenza azzurro di oggi su un possibile appoggio a Meloni

Roma, incontro Berlusconi-Bertolaso nessuna richiesta ritiro

L'incontro tra Silvio Berlusconi e Guido Bertolaso si è concluso dopo mezzanotte senza nessuna richiesta di ritiro da parte dell'ex cav. Cresce quindi l'attesa per l'ufficio di presidenza convocato oggi alle 11 a Palazzo Grazioli e un eventuale faccia faccia tra Berlusconi e Giorgia Meloni che dovrebbe tenersi prima della riunione dei vertici di Forza Italia. In un primo tempo sembrava invece che sul nome di Giorgia Meloni fosse cosa fatta. Secondo fonti vicine a Berlusconi, pareva che il presidente azzurro avesse dato l'ok per il sostegno della presidente di Fdi per la corsa al Capidoglio. Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega sarebbero al lavoro su un documento condiviso per sancire la rinnovata unità del centrodestra in tutta Italia e non solo a Roma, ma centrale è sbloccare prima la situazione nella capitale.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Conte non scioglierà la riserva prima di sabato

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"