Martedì 03 Ottobre 2017 - 17:30

Roma, aggressione omofoba al regista Sebastiano Riso

Il suo "Una famiglia" è stato presentato a Venezia ed è ora nei cinema

Photocall di Una Famiglia a Venezia

Aggredito perché gay. Lunedì pomeriggio, il regista catanese Sebastiano Riso è stato assalito e picchiato da due uomini nell'androne del palazzo dove vive a Ostiense, una zona di Roma.

Riso è stato portato al Fatebenefratelli dove è stato medicato per le ferite riportate: contusione della parete toracica addominale e un trauma allo zigomo con edema alla cornea con una prognosi 10 giorni.

Il regista ha raccontato che gli aggressori lo hanno insultato per la sua omosessualità e per le sue idee sull'utero in affitto e le famiglie arcobaleno, tematica trattate nel suo film "Una famiglia", presentato al festival di Venezia e in questi giorni al cinema.

"Abbiamo appreso della brutale aggressione a scapito del regista Sebastiano Riso, avvenuta ieri a Roma a cui diamo la nostra solidarietà, purtroppo questa è solo l'ennesima aggressione a sfondo omofobo che avviene in Italia", ha dichiarato Fabrizio Marrazzo, portavoce Gay Center.  "

Ogni hanno abbiamo oltre 20 mila contatti, al nostro servizio Gay Help Line 800713713, da tutta Italia da parte di utenti che subiscono discriminazioni ed aggressioni in quanto lesbiche, gay e trans", ha detto Marrazzo. "Pertanto, rileviamo che risulta sempre più urgente l'approvazione di norme contro l'omo-trans-fobia da parte delle istituzioni, come già avviene in molti paesi dell'Unione Europea. Chiediamo, infine, alle forze dell'ordine che venga fatta piena chiarezza sull'accaduto e trovati gli aggressori", ha concluso. 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

TAC alle mummie per studiare l'origine malattie cardiovascolari

Roma, aneurisma scambiato per stress: muore 14enne, indaga procura

Era stata visitata al Sandro Pertini. Aperto un fascicolo a carico di ignoti per omicidio colposo. Lorenzin invia task force

Sanità, truffa rimborsi: sequestrati 7,3 milioni a 3 cliniche romane

Sotto sequestro un centinaio di conti bancari, in tutta Italia, intestati agli istituti e alle quattro persone finite sotto indagine

Villa Borghese, il luogo dove si suppone sia stata stuprata una donna tedesca

Roma, nuove accuse per lo stupratore di Villa Borghese: aggredì e rapinò donna a Capena

Si trova già in carcere con l'accusa di aver violentato una clochard tedesca e tre prostitute

Roma, ritrovamento di un cadavere in un sottopasso del Muro Torto

Roma, donna uccisa in sottopasso: fermato un clochard

L'uomo ha ammesso l'omicidio della senzatetto di 39 anni trovata morta vicino Porta Pia