Sabato 29 Ottobre 2016 - 08:45

Roma, abusi su bambine in scuola materna

L'uomo è stato sorpreso dalla polizia a palpeggiare una bimba di 4 anni

Roma, abusi su bambine in scuola materna: arrestato pedofilo in flagrante

La squadra mobile di Roma ha arrestato in flagranza di reato per violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina, un 57enne di Tivoli, alle porte di Roma. L'uomo, collaboratore scolastico di una scuola materna comunale della Capitale era stato segnalato per alcuni comportamenti sospetti da alcuni genitori che si erano presentati presso la quarta sezione della squadra mobile, specializzata in reati sessuali, contro le donne, i minori e le fasce vulnerabili, per raccontare quanto appreso dalle loro figlie di quattro anni. Grazie a queste segnalazioni la Procura aveva fatto monitorare la scuola con appositi servizi, decidendo poi di installare un sistema di intercettazione audio-video nel locale in cui sarebbero avvenuti gli abusi. Le bambine avevano manifestato il loro fastidio per i palpeggiamenti e le attenzioni sessuali dell'indagato. L'attivita' - spiegano gli investigatori - e' stata particolarmente complessa sia per la natura dei fatti sia per le difficolta' investigative, dovute alla tenera eta' dei minori coinvolti e alla delicatezza della materia trattata. Ieri, attraverso le immagini e' stato possibile sorprendere l'uomo nell'atto di abusare di una delle minori. Sono tuttora in corso indagini per verificare eventuali altri episodi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Attentato a caserma carabinieri di Napoli

Piacenza, barista aggredita e violentata per ore: caccia all'uomo

L'aggressore, non ancora identificato, ha sorpreso la donna mentre stava chiudendo il bar

Campobasso, ministro Savona indagato per usura bancaria

Sono coinvolte in tutto 23 persone, manager e noti banchieri che tra il 2005 e il 2013 hanno ricoperto ruoli chiave in Unicredit

I giudici di Palermo: "Trattativa Stato-mafia accelerò la morte di Borsellino"

"Provata l'esistenza di un accordo preelettorale tra Cosa nostra e Dell'Utri"