Sabato 24 Settembre 2016 - 09:00

Roma, a gennaio crollò un palazzo: il precedente

Il 20 gennaio scorso gli ultimi tre piani di un condominio vennero giù: sotto accusa i lavori di ristrutturazione del quinto piano

Roma, crollo di un palazzo sul Lungotevere Flaminio

C'è un precedente, meno di un anni fa, del crollo della palazzina avvenuta questa notte a Roma, nella zona della Movida di Ponte Milvio. Era il 20 gennaio di quest'anno quando, sempre nel cuore della notte, tre piani di un lussuoso palazzo crollano sul Lungotevere Flaminio a Roma. Il cedimento strutturaleinteressa il settimo, sesto e quinto piano di un edificio al civico 70, vicino al teatro Olimpico. Anche lì non ci sono né morti né feriti perché un condomino, avvertiti degli scricchiolii fa scattare l'alarme.  el mirino, subito, finiscono i lavori di ristrutturazione in corso nell'appartamento del quinto piano, dove sarebbero stati eliminati tutti i tramezzi, e sul sovraccarico del sesto, sulla cui terrazza  sembra ci fosse "una vera e propria giungla di piante", con vasi di cemento pieni di terra e acqua. A giugno, nel registro degli indagati finiscono il proprietario dell'appartamento del 5° piano, dove era in corso la ristrutturazione, il progettista dei lavori, il geometra e il titolare dell'impresa incaricata di abbattere le parti dell'appartamento che dovevano essere ristrutturate.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'Italia ancora nella morsa del freddo. Neve e venti forti

L'Italia ancora nella morsa del freddo: neve e venti forti

Nord nel gelo, centro-sud ed Emilia dovranno fare i conti con la neve

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

A trovarla è stato il marito, da chiarire il suo ruolo

Catania, arrestato il pericoloso boss Nizza

Catania, arrestato boss Nizza: era tra i 100 latitanti più pericolosi

Minniti soddisfatto: "Successo investigativo di alto livello"

Papa: Accogliamo migranti, anche noi siamo forestieri

Il Papa: Accogliamo i migranti, anche noi siamo forestieri

Francesco celebra così la giornata mondiale del Rifugiato