Domenica 03 Settembre 2017 - 16:30

Roma, ucciso di botte fuori da locale: fermati 5 buttafuori

Avrebbe infastidito una donna innescando una rissa con gli addetti alla sicurezza che lo avrebbero lasciato a terra agonizzante

Rimini, arresto presunti colpevoli aggressione a sfondo sessuale

È stato trovato dai carabinieri verso l'una e mezzo di notte il cadavere di un uomo di mezza età di nazionalità italiana all'esterno di un locale da ballo latino americano in via Oceano Atlantico nel quartiere Eur di Roma. Sul posto sono intervenuti il pronto soccorso e i carabinieri di via in Selci e della compagnia Eur dopo segnalazione al 112. Cinque addetti della sicurezza del locale sono stati fermati i con l'accusa di concorso in omicidio volontario aggravato dai futili motivi.

La vittima, un imprenditore catanese sulla cinquantina, era molto conosciuta nell'ambiente. Secondo alcune prime ricostruzioni avrebbe infastidito una donna nel locale, innescando una rissa coin gli addetti alla sicurezza. Due lo avrebbero trascinato fuori, altri tre si sarebbero aggiunti successivamente. L'uomo è stato lasciato agonizzante a terra. A nulla sono serviti i tentativi di salvarlo dell'ambulanza.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Consiglio Comunale

Roma, benestanti e proprietari, ma occupano l'alloggio popolare

Il censimento rivela che persone con redditi alti abitano case pubbliche. E 1.600 sono subentrati ad assegnatari morti. Lettera aperta dell'assessora Castiglione sul blog di Grillo

Ostia, tornano a parlare le armi. Due gambizzati in una pizzeria

I killer fanno fuoco contro il padre della titolare e un cuoco della "Disco Giro pizza". Feriti, uno in condizioni serie

Roma, sciopero dei tassisti

Lingue, galateo e accoglienza culturale. I tassisti romani vanno a lezione

Iniziati i corsi organizzati dal Campidoglio. Dovranno imparare i fondamenti del ricevimento dei turisti

Roma, chiuso il set a luci rosse abusivo nell'antica cisterna romana

Una porta di ferro all'ingresso della struttura ha insospettito la Sovrintendenza dei Beni Culturali