Mercoledì 21 Settembre 2016 - 10:30

Roma 2024, Raggi verso il no: aula prossimo campo di battaglia

Oggi alle 14.30 incontro tra la sindaca e il numero uno del Coni Malagò

Roma 2024, Raggi verso il no: l'aula prossimo campo di battagliale

E' il giorno della verità. Roma decide la sorte della sua candidatura alle Olimpiadi del 2024. La sindaca Virginia Raggi alle 14.30 incontrerà il numero uno del Coni Giovanni Malagò. Tutta l'attenzione è concentrata sulla prima cittadina. Lei si è espressa più volte in campagna elettorale contro i Giochi, e lo ha fatto ancora anche recentemente. E, se qualcuno vicino a lei riferisce di qualche indecisione legata alle conseguenze politiche che porterebbe con sé questa scelta, a spingere poderosamente verso il niet c'è il leader M5s in persona, Beppe Grillo, che dal suo blog la scorsa settimana ha sentenziato: "Olimpiadi no grazie".

La battaglia, però, ammesso che la sindaca davvero dica no, potrebbe non finire oggi. Il Coni avrebbe intenzione comunque diu andare avanti con la candidatura. La sfida infatti si sposterà in assemblea capitolina. A decidere formalmente dovrebbe essere infatti il Consiglio con una delibera. E c'è chi dubita che la maggioranza guidata da Virginia Raggi - anche se sulla carta avrebbe i numeri - sia così solida da reggere di fronte a una sfida aperta del Coni su un tema così divisivo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Beppe Grillo

Grillo scrive al Pd: Buttata nel cesso storia del più grande partito di sinistra

Il leader M5s nella lettera: "Non siamo il pretesto per la vostra dissoluzione"

M5S, Casaleggio: Noi al 30% grazie a Rousseau e internet

M5S, Casaleggio: Noi al 30% grazie a Rousseau e internet

"Abbiamo cambiato le regole dei partiti e dei mass media tradizionali"

Di Maio: Alleanze? M5S non guarda a forze politiche ma a programma

Di Maio: Alleanze? M5S non guarda a forze politiche ma a programma

Così risponde ai giornalisti della stampa estera in merito alle parole di Pier Luigi Bersani

Padoan: Le riforme senza equità sociale sono armi spuntate

Padoan: Le riforme senza equità sociale sono armi spuntate

"Servono crescita inclusiva e un buon lavoro o non è crescita"