Giovedì 22 Settembre 2016 - 17:30

Roma 2024, Malagò: Piani B ci sono ma non sono strada giusta

Al Foro Italico per Euro 2020 il presidente del Coni ha salutato la sindaca con baciamano: "Lo faccio con chi non ho confidenza"

Giovanni Malago in conferenza stampa CONI

"Teoricamente diversi piani B ci sarebbero ma non è la strada giusta, perderemmo credibilità". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ai microfoni di Sky Sport dopo il 'no' di Virginia Raggi alla candidatura di Roma ai Giochi del 2024. Il presidente del Coni prosegue spiegando che il Comitato Olimpico si adeguerà ad una decisione "che comunque consideriamo profondamente ingiusta e sbagliata". "L'amarezza è infinita, questo è sicuro. È indispensabile portare rispetto al mondo dello sport".

NO INCONTRO CON RENZI. "Con Renzi non ci siamo visti, non c'erano appuntamenti". Lo ha detto Malagò, lasciando palazzo Chigi. "Avevo - ha aggiunto - un appuntamento già fissato con Luca Lotti, fissato perché veniva il presidente della Uefa Ceferin accompagnato dal presidente della Figc, Carlo Tavecchio. Non c'è altro, giuro. Ci vediamo al Foro Italico". Alle 14, nella sala delle Armi del Foro italico, verrà presentato il logo italiano degli Europei di calcio di 2020 che si giocheranno in varie città europee tra le quali Roma.

LE FOTO DI RAGGI.  "Che effetto mi ha fatto vedere le foto di Raggi a pranzo mentre aspettavamo in Campidoglio? Onestamente non è quello il problema. Mi sembra marginale rispetto ad altre questioni". A chi gli chiedeva se pensi a un chiarimento con la sindaca di Roma, ha risposto: "Non so se chiarimento sia la parola giusta o sbagliata". Virginia Raggi è "una persona che non ha avuto fiducia". 

IL BACIAMANO. La sindaca ha partecipato alla presentazione del logo italiano di Euro 2020, di cui Roma ospiterà 4 partite della fase finale. Raggi ha per primo incontrato il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, poi ha incrociato il presidente del Coni, Giovanni Malagò che le ha fatto un cortese baciamano. Malagò ha spiegato così il gesto: "Con una persona con cui non ho confidenza lo faccio sempre". E ha aggiunto: "Se mi aspettavo scuse dalla Raggi dopo il mancato incontro di ieri? Una donna non deve mai chiedere scusa". E dopo il mancato incontro: "Se dopo quanto successo ieri andrei a pranzo con Virginia Raggi? Certo, perché no? Siamo persone educate". 

RISPOSTA A DI BATTISTA. "I miei amici più cari mi hanno detto tante cose anche ironiche. non penso di essere un coatto, la mia vita e il mio stile dicono qualcosa di diverso. Ma rispetto le opinioni di tutti". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, risponde ad Alessandro Di Battista, membro del direttorio M5S, che lo ha definito un "coatto".

EVENTI INTERNAZIONALI. "Lo Stadio Olimpico è il luogo dove si sono svolti, mondiali, europei, finali di Champions ma anche il Golden Gala di atletica ed il Sei Nazioni di Rugby. Siamo al servizio di chi vuole portare nella nostra città eventi internazionali. Faccio i complimenti all'Uefa per questa bella iniziativa. Roma dimostrerà la sua lunga storia nell'ospitare grandi manifestazioni", ha spiegato Malagò in occasione della presentazione del logo di Roma per gli europei di calcio del 2020.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

'Destinazione Italia': parte il treno del Pd con Renzi e Delrio

Fara Sabina, Civita castellana, Narni, Spoleto e Fano le tappe del primo giorno

Inaugurazione del nuovo stadio Filadelfia, nuovo impianto di allenamento del Torino

Torino, Appendino: Avviso di garanzia per falso in atto pubblico

Il procedimento è relativo alla vicenda Ream. La sindaca: "Chiarirò il prima possibile"

CGIL. Convegno "Oltre le crisi bancarie crescita uguaglianza lavoro"

Manovra, Camusso: "Sciopero se necessario". Padoan: "Che legge ha visto?"

Botta e risposta tra la leader della Cgil e il ministro dell'Economia dopo l'approvazione della manovra

Inaugurazione della stagione al Teatro Manzoni

Berlusconi frena l'intesa con Salvini: "Chi ha più voti indica premier"

E sulla legge elettorale: "È il miglior compromesso che si potesse trovare"