Martedì 31 Ottobre 2017 - 15:45

Rodin in mostra a Treviso, ma Facebook censura il suo "Bacio"

L'immagine usata per promuovere l'evento ma il social ha chiesto di "evitare allusioni di natura sessuale"

Il "Bacio" di Rodin è troppo esplicito e per questo Facebook non promueverà con questa immagine la mostra sullo scultore francese prevista a Treviso dal 24 febbraiop 2018. A farlo sapere a Linea d'Ombra, lo studio che si occupa dell'esposizione, è lo stesso social network in una nota: "Mostra eccessivamente il corpo o presenta contenuti allusivi". E suggerisce "di utilizzare contenuti che si concentrano sul prodotto o servizio, evitando allusioni di natura sessuale".

 

Il post di promozione su fb è sparito e poi riaaprso sulla pagina dello studio e le motivazioni date dal social di Cupertino hanno aumentato le perplessità. "Può un'immagine simbolo della storia dell'arte essere paragonata a una qualsiasi immagine di carattere sessualmente esplicito ? In una Rete invasa da orribile pornografia vogliamo davvero equiparare i nudi rinascimentali a immagini che invece circolano liberamente?", si cheide Marco Goldi, responsabile di Linea d'Ombra.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, grigliata popolare davanti a Palazzo Marino organizzata da centri sociali

Menù di Ferragosto, vince la tradizione: dalla frittata di maccheroni alla grigliata

Primi, secondi, piatti unici e dolci: basta che si rispetti la cucina regionale

Festival Internazionale delle Letterature

Morto lo scrittore premio Nobel V.S. Naipaul: aveva 85 anni

Scrisse oltre 30 libri, molti incentrati sui traumi del cambiamento post-coloniale. L'Academy: "Era un circumnavigatore letterario dalla voce inimitabile"

Spazio, la sonda Parker della Nasa in viaggio verso il Sole

La navicella spaziale senza equipaggio, costata 1,5 miliardi di dollari, mira ad avvicinarsi più di qualsiasi altra missione precedente al centro del nostro sistema solare

INDIA-US-INTERNET-FACEBOOK

L'Antitrust agli influencer: "La pubblicità deve essere palese"

Per la prima volta si è rivolta anche ai piccoli e medi. L'intervista a Luca Talotta: "Io uso sempre gli hashtag giusti e penso sia più corretto"