Mercoledì 10 Agosto 2016 - 08:30

Rio2016, attaccato bus giornalisti: fori di proiettile sul vetro

Secondo la polizia, invece, il pullman sarebbe stato colpito da pietre

Rio 2016, attacco a bus di giornalisti

Un pullman ufficiale olimpico che trasportava giornalisti è stato attaccato mentre dallo Stadio Deodoro viaggiava verso il Parco olimpico di Rio de Janeiro. Testimoni hanno raccontato che è stato colpito da due spari, mentre la polizia ha dichiarato che a rompere i finestrini sono state pietre, hanno riferito i media del Paese. Una giornalista di Lance si trovava sul mezzo e ha raccontato i fatti, poi il direttore di Rio 2016, Mario Andrada, ha confermato e precisato che indagini sono in corso per verificare se l'attacco sia avvenuto con armi da fuoco o lanci di oggetti.

Alcuni giornalisti che si trovavano sul veicolo e hanno esperienza in scenari di guerra hanno dichiarato che si è trattato di spari. Inoltre, una fotografia dell'agenzia Reuters mostra un piccolo foro in un vetro, circondato da crepe tutto intorno ma non andato in frantumi. Secondo il giornale sportivo Lance, un volontario turco e un giornalista bielorusso sono rimasti lievemente feriti e una inchiesta è stata aperta. Sul pullman si trovavano 12 persone. A seguito dell'incidente, tutti i pullman in partenza dallo stadio Deodoro sono stati scortati dall'esercito.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

VENEZUELA-ELECTION-PREPARATIONS

Venezuela stremato al voto per le presidenziali: Maduro verso la rielezione

Urne aperte fino alle 18 (mezzanotte in Italia). Schierati circa 300mila militari e poliziotti

Germania, festival neonazista per celebrare il compleanno di Hitler

Germania, due morti in una sparatoria a Saarbrücken

Non si tratterebbe di attentato, ma di un crimine in ambiente familiare