Lunedì 15 Agosto 2016 - 17:30

Rio, Giorgio Cagnotto come Tania: Anche per me è ora di smettere

"La mia carta d'identità parla chiaro. Fare il nonno? Quando sarà il momento sicuro"

Giorgio e Tania Cagnotto

Da Sydney 2000 a Rio de Janeiro 2016. Sedici anni in giro per il mondo a gareggiare. Sempre insieme, quasi in simbiosi. Se a questi si aggiungono quelli in cui è stato un atleta di altissimo livello (quattro medaglie olimpiche due argenti e due bronzi, ndr) Giorgio Cagnotto ha trascorso la sua vita con la valigia in mano. Ora, dopo aver condotto sul podio a cinque cerchi pure la figlia Tania, anche per lui è giunto il momento di dire basta.

Si aspettava le due medaglie vinte da Tania?  

Gareggiavamo per vincerle però centrare l'obiettivo non era facile, specie nella gara singola. A dimostrarlo è stato il suo andamento con le cinesi irraggiungibili e la lotta con la canadese che siamo riusciti a controsorpassare all'ultimo tuffo. E' andato tutto come doveva andare. Una grande emozione.

Dopo i due quarti posti di Londra 2012 come ha fatto Tania a non mollare la presa?

Sono state decisive le due medaglie (argento trampolino sincro e trampolino un metro, ndr) vinte al mondiale di Barcellona l'anno successivo. Sono i risultati che ti danno la molla per continuare.

Qual è il segreto della longevità agonistica di sua figlia Tania?  

Nel corso di tutta la sua carriera è sempre stata un'atleta seria che si è impegnata anche più del necessario senza lasciare mai nulla al caso. Abbiamo anche avuto uno staff eccezionale ed ora eccoci qui al nastro finale.

Ora che Tania si è ritirata proseguirà ad allenare?  

La mia carta d'identità (classe 1947, ndr) parla chiaro e dice che è ora di smettere. Fare il nonno? Quando sarà il momento sicuro!

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crotone vs Genoa

Festa dello Sport, tante stelle in campo al Porto Antico di Genova

Da Perin a Quagliarella, fino alla ginnasta Carlotta Ferlito

Calcio a 5, le semifinali di Serie A su LaPresse

Came Dosson e Real Rieti provano a pareggiare i conti dopo le sconfitte in gara 1. Luparense e Acqua&Sapone vogliono subito la finale

Giro d'Italia 2018 - 4a tappa Catania - Caltagirone

Incidente al Giro d'Italia, auto forza sbarramento e investe motociclista: è grave

È accaduto poco prima dell'avvio della quinta tappa sulla statale 640 'Strada degli Scrittori' ad Agrigento

Pinot trionfa al Tour of the Alps. L’ultima tappa all'ucraino Padun

Il francese si prende la maglia ciclamino e lancia un messaggio in vista del Giro d’Italia. Tra gli italiani bene Pozzovivo e Aru, Quarto Froome