Venerdì 12 Agosto 2016 - 19:45

Rio 2016, judoka egiziano non stringe mano ad israeliano

Aveva ricevuto pressioni sui social network affinché non scendesse sul tatami contro il rivale

Rio 2106, judoka egiziano non stringe mano ad israeliano a fine match

La politica torna protagonista alle Olimpiadi e parte la polemica. Al termine del loro match di judo alla Carioca Arena 2 di Rio De Janeiro l'egiziano Islam El Shehaby si è infatti rifiutato di stringere la mano all'avversario che lo aveva battuto, l'israeliano Or Sasson. Il 32enne El Shehaby aveva ricevuto pressioni sui social network affinché non scendesse sul tatami contro il rivale israeliano per le note vicende fra i due paesi e per non "gettare discredito" sull'islam. L'egiziano ha deciso comunque di combattere, ma dopo la sconfitta ed il saluto non ha voluto stringere la mano al rivale che si era avvicinato a lui tendendogliela. Il gesto ovviamente non è passato inosservato, ma nessuno dei due ha voluto rilasciare commenti sull'accaduto.

Il portavoce della federazione internazionale di Judo, Nicolas Messner, ha poi precisato che gli atleti non sono obbligati a stringersi la mano al termine del match ma solo ad effettuare il saluto di rito con l'inchino cosa che l'egiziano ha fatto. "In ogni caso dopo i Giochi analizzeremo l'accaduto per vedere se esistono dei presupposti per prendere decisioni sa riguardo", ha aggiunto alla Reuters. L'israeliano Sasson, dopo questa vittoria, ha così potuto accedere alle semifinali della categoria +100kg. Il portavoce del Cio, Mark Adams ha spiegato che a volte le cose accadono "nella concitazione del momento" ma "non per questo sono accettabili". "Per noi lo spirito olimpico serve a costruire ponti e non a erigere muri", ha concluso.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Team Sky rider Froome of Britain celebrates on the podium after winning the Vuelta Tour of Spain after the last stage of the cycling race between Arroyomolinos and Madrid

Ciclismo, Froome positivo al doping (Salbutamolo) alla Vuelta 2017

E' il miglior ciclista del momento. Quest'anno ha vinto Tour e Vuelta. Team Sky: "Spiegheremo tutto"

Ciclismo, presentazione del Giro d'Italia 2018

Giro d'Italia parte da Gerusalemme ovest e Israele minaccia di annullarlo

L'ira dei ministri israeliani per la partenza da "West Jerusalem": "C'è una sola capitale"

Ciclismo, presentazione del Giro d'Italia 2018

Ciclismo, svelato Giro 2018: da Gerusalemme a Roma, al via anche Froome

Presentato il percorso della edizione 101 della corsa rosa. Partenza in Israele il 4 maggio e arrivo nella capitale il 27. La novità è la presenza del britannico

"I Roveri" di Torino premiato al World of Leading Golf

La struttura del Royal Park ha ricevuto il prestigioso riconoscimento per i "Migliori servizi"