Lunedì 08 Agosto 2016 - 10:15

Rio, festa Italia: cinque medaglie 200° oro è del judoka Basile

Giornata storica per gli azzurri, Daniele Garozzo vince nel fioretto. Podio anche nel ciclismo e nei tuffi

Olimpiadi, l'italiano Fabio Basile oro nel judo

E' manita Italia. Tutto quello che la spedizione azzurra a Rio, per sfortuna e per prestazioni non altezza delle previsioni, non è riuscita a raccogliere nella prima giornata di gare arriva con gli interessi in un'indimenticabile domenica dove si è scritta la storia. A farlo non un'atleta affermato ma un giovane virgulto con la sua sana follia. Fabio Basile da Rivoli, provincia di Torino, judoka di 21 anni categoria 66kg, è la 200esima medaglia d'oro nella storia dello sport tricolore. Una cavalcata trionfale conclusa battendo in finale con uno Ippon spettacolare il coreano Baul An dopo appena 1 minuto e 24 secondi di gara. Lo aspettavano per Tokyo 2020, ha bruciato le tappe. "Sono sensazioni indescrivibli, ancora non realizzo. Mi sa che è vero però", le sue prime parole condivise da tutto l'ambiente che, dallo stupore alla gioia, lo ha accompagnato lungo il suo cammino a cinque cerchi.

LEGGI ANCHE Rio, ex allenatore di Basile: Fabio ha qualità fuori dal comune

Praticamente in contemporanea nel palazzetto adiacente ad esultare era invece Daniele Garozzo, fiorettista di Acireale. Un oro che conferma la superiorità della scherma nostrana, vero bancomat del medagliere italico. Talento cristiallino il siciliano, due argenti europei individuali, trova nella giornata piu importante della sua vita la consacrazione più grande al termine di un tabellone dominato dal primo assalto all'atto conclusivo contro lo staunitense Massialis. Erano 20 anni che l'oro del fioretto maschile non tornava in Italia. "Un'emozione incredibile, ancora non ci credo", spiega a caldo.

 

Se l'inno di Mameli suona per Basile e Garozzo nel cuore degli italiani fa altrettanto per Tania Cagnotto e Francesca Dallapé.
L'argento vinto dalle tuffatrici azzurre nella piattaforma sincro vale infatti come una vittoria visto che le cinesi Wu Mixia e Shi Tingmao fanno uno sport a parte. Cancellata la delusione di Londra, quarto posto beffardo, e prima medaglia a cinque cerchi per le due colleghe ma soprattutto amiche che a fine gara si sono stretta in un abbraccio commovente. "In questi 4 anni ci siamo fatte il mazzo ma ne e' valsa la pena", dicono in coro.

Già questo tris d'assi basterebbe per rendere memorabile la giornata.
Ma l'Italia di Rio è tosta e giovane. Mentre Tania e Francesca incantano con i loro tuffi succede che sul tatami la romana Odette Giuffrida, classe 1994 e 55 kg di energia pura, si issa fino alla finale dove si arrende alla più forte del lotto. La kosovara  Majlinda Kelmendi che, dopo aver combattuto sotto la bandiera del Cio e quella dell'Albania, può finalmente trionfare con il vessillo del suo paese ora riconosciuto dal Comitato Olimpico.

La ciliegina sulla torta di una giornata perfetta si chiama rivincita. E' quella del ciclismo che dopo le lacrime versate per Vincenzo Nibali sorride per il bronzo di Elisa Longo Borghini. "Una giornata record, un'emozione indescrivibile. Grazie ragazzi per le gioie che mi avete dato", è la felicita del presidente del Coni, Giovanni Malagò, condivisa da tutti gli sportivi italiani.

Scritto da 
  • Dall'inviato Andrea Capello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Rafael Nadal vs Alexander Zverev - Finale Tennis Internazionali BNL d'Italia 2018

Tennis, Nadal trionfa a Roma per l'ottava volta. Zverev: "Sei il più grande sulla terra"

Nadal non si imponeva al Foro Italico dal 2013 e da domani sarà nuovamente numero uno delle classifiche mondiali

Giro d'Italia 2018, tappa 15 da Tolmezzo a Sappada

Giro d'Italia, Yates trionfa in solitaria a Sappada. Froome staccato

Ottima prova di Pozzovivo quarto al traguardo e terzo in classifica. Crolla Fabio Aru

Giro d'Italia 2018, tappa 14 da San Vito al Tagliamento al Monte Zoncolan

Giro d'Italia, Froome trionfa sullo Zoncolan, Yates sempre in rosa

L’inglese scatta a 4km dall’arrivo e stacca tutti. Terzo un fantastico Dimenico Pozzovivi, quarto Lopez

Thierry Neuville, le chiavi del successo nel rally

Ecco il segreto del ventinenne pilota della Hyundai che in questa stagione è alla caccia del suo primo titolo mondiale del WRC