Martedì 16 Agosto 2016 - 10:00

Rio 2016, cade, si rialza e vince: l'eroe Viviani conquista l'oro nell'omnium

L'azzurro supera il britannico Mark Cavendish, secondo sul podio. Terzo il danese Hansen

Rio 2016, cade, si rialza e vince: l'eroe Viviani conquista l'oro nell'omnium

"L'omnium è come una coperta" ed Elia Viviani è stato l'unico a non scoprirsi né i piedi né la parte alta del corpo, trovando nell'arco di sei snervanti prove divise in due giorni l'equilibrio decisivo per arrivare ad una splendida medaglia d'oro. L'unica di cui il veronese si sarebbe accontentato. Dopo le delusioni di Londra e dell'ultimo mondiale il ragazzo di Isola della Scala voleva sono vincere. Così è stato. Neanche una caduta nella quale è stato involontariamente coinvolto nella decisiva corsa a punti finale ha potuto fermare il suo sogno. Il pensiero è andato subito a Vincenzo Nibali ed alla gara in linea ma, per fortuna, questa volta la sfortuna non ci ha messo lo zampino. Elia si è rialzato, ha approfittato dei dieci giri di neutralizzazione della corsa per riordinare le idee e controllare la sua condizione fisica e poi è ripartito più forte di prima.

Tutti si sono dovuti inchinare al suo strapotere dimostrato in questi due giorni. L'ultimo ad arrendersi il britannico Mark Cavendish, non certo uno qualunque, finito secondo. Terzo il danese Hansen. Fuori dal podio l'atteso colombiano Gaviria che aveva beffato Viviani all'ultimo mondiale. Un trionfo. "La caduta? La paura c'è stata ma sono cose che succedono. Quando ho capito che era tutto ok ho pensato solo a tornare in pista. I dieci giri di neutralizzazione mi hanno aiutato a ritrovare la calma, guardare il tabellone, capire che ero ancora il leader e non potevo mollare. Una caduta non poteva rovinare tutto", dice senza quasi prendere fiato.

"Per me l'importante oggi era vincere - dice ancora - sarei stato deluso anche con una medaglia di altro colore. Il sogno era l'oro, quello che volevo". Un trionfo che, almeno momentaneamente, spinge Viviani a "chiudere un capitolo" e pensare solo alla strada."Penso che nei prossimi due anni mi vedrete poco in questa specialità", dichiara pur non escludendo un ritorno in vista di Tokio 2020. Gongola il presidente del Coni, Giovanni Malagò che parla di un oro "bellissimo e strameritato". Un pensiero condiviso anche da Mark Cavendish secondo cui Viviani "Ha fatto sei gare bellissime. Batterlo non era possibile".

Un'emozione enorme per Elia che racconta di aver tratto forza anche dalla bandiera italiana. "Vincere le Olimpiadi vuol dire vincere per tutti i nostri connazionali non solo per gli appassionati", argomenta rivelando un ulteriore particolare. "Nei giri di neutralizzazione dopo la caduta guardavo lo schermo e vedere la bandiera italiana davanti a tutte le altre mi dava tanta forza. Non potevo mollare".

Scritto da 
  • Dall'inviato Andrea Capello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d'Italia 2018, tappa 16 a cronometro Trento-Rovereto

Giro, Dennis vince la crono, Dumoulin recupera, Yates resta in rosa

Sui 34,2 km da Trento a Rovereto l'olandese riesce a recuperare un minuto e 12" all'inglese che resta in vetta. Pozzovivo sempre terzo

Rafael Nadal vs Alexander Zverev - Finale Tennis Internazionali BNL d'Italia 2018

Tennis, Nadal trionfa a Roma per l'ottava volta. Zverev: "Sei il più grande sulla terra"

Nadal non si imponeva al Foro Italico dal 2013 e da domani sarà nuovamente numero uno delle classifiche mondiali

Giro d'Italia 2018, tappa 15 da Tolmezzo a Sappada

Giro d'Italia, Yates trionfa in solitaria a Sappada. Froome staccato

Ottima prova di Pozzovivo quarto al traguardo e terzo in classifica. Crolla Fabio Aru

Giro d'Italia 2018, tappa 14 da San Vito al Tagliamento al Monte Zoncolan

Giro d'Italia, Froome trionfa sullo Zoncolan, Yates sempre in rosa

L’inglese scatta a 4km dall’arrivo e stacca tutti. Terzo un fantastico Dimenico Pozzovivi, quarto Lopez