Mercoledì 15 Giugno 2016 - 20:00

Onde gravitazionali, una nuova rilevazione dopo la scoperta

Il segnale può essere decisivo per cominciare a disegnare una mappa dei buchi neri dell'universo

Rilevate per la seconda volta onde gravitazionali predette da Einstein

Gli scienziati del progetto Ligo hanno rilevato per la seconda volta un segnale delle onde gravitazionali, di cui Albert Einstein aveva predetto l'esistenza un secolo fa. I ricercatori spiegano che si è trattato di un segnale più debole del primo caso ma che può essere a loro parere decisivo per cominciare a disegnare una mappa dei buchi neri dell'universo.

LEGGI ANCHE Spazio, cosa dice la teoria della relatività

Secondo quanto ha annunciato l'università del Maryland, cioè una di quelle partecipano al progetto Ligo, le nuove onde sono state rilevate il 26 dicembre del 2015, cioè oltre tre mesi dopo la prima storica scoperta. Inoltre, secondo l'osservatorio interferometro laser delle onde gravitazionali (Ligo), si sono prodotte negli ultimi momenti della fusione di due buchi neri in uno più massiccio.

La prima rilevazione delle onde gravitazionali di Einstein è avvenuta il 14 settembre 2015, quando i due interferometri (innovativi strumenti sviluppati proprio a questo scopo) americani, esattamente a 3.002 chilometri di distanza l'uno dall'altro, hanno rilevato lo stesso segnale.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Upday, le notizie in diretta sulle smart Tv Samsung

Il primo servizio europeo di news gestito dall'editore tedesco Axel Springer arriva su Samsung QLED in 12 Paesi europei

Dalla Svezia tutta la verità sulle polpette di Ikea

Le köttbullar, il piatto nazionale, non sono poi tanto svedesi

Facebook research

Arriva il sito di incontri targato Facebook, parola di Zuckerberg

Il fondatore del social network annuncia il nuovo progetto

Bruxelles, intervista a Mariya Gabriel

Digitale, Commissione Ue punta su AI: "Ma è l'uomo alla guida"

Aumentati gli investimenti per il biennio 2018-2020 fino a 1,5 miliardi nel quadro del programma Horizon 2020