Martedì 10 Maggio 2016 - 16:00

Riforme, Renzi: Vedremo chi sta col popolo. De Magistris? Solo insulti

Dalla Cassazione arriva l'ok al quesito referendario

Riforme, Renzi: Vedremo chi sta con il popolo. De Magistris? Parole indegne

"Saranno cinque mesi di dialogo intenso con i cittadini. E alla fine vedremo chi sta con il popolo e chi nuota solo nell'acquario della politica politicante, fatta di talk, tv e autoreferenzialità". Lo scrive nella sua enews il premier Matteo Renzi, che sottolinea che "la sovranità appartiene al popolo. Il referendum ci dirà se la gente vuole cambiare davvero o si accontenta del solito sistema istituzionale bloccato di questi anni. Io sono in campo, ma la differenza potete farla solo voi". "Le difficoltà ci sono, certo. Ma noi vogliamo tanto bene all'Italia. E allora avanti tutta. E insieme all'Italia che dice sì", scrive ancora il presidente del Consiglio, nel giorno in cui la Cassazione ha dichiarato "conformi" le quattro richieste di referendum sul testo di legge costituzionale approvato dalle Camere. Il permier è poi tornato anche sulla polemica con De Magistris: "Il sindaco di Napoli mi insulta e minaccia con volgarità indegne di un uomo pubblico".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Pietro Grasso sembra volersi smarcare dal Pd, e a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"

Pensioni, Renzi contro Di Maio: "E' una vera follia tagliare quelle da 2.300 euro"

Scontro sulle cifre tra il segretario Pd e il candidato M5S. Il pentastellato replica: "Vogliamo ridurre quelle oltre 5mila euro"