Sabato 02 Luglio 2016 - 10:00

Riforme, Malan: Calcolo Boschi non reale, risparmi solo 50 mln

Guerra di cifre tra il senatore di Forza Italia e la ministra Boschi

Lucio Malan

Guerra di cifre tra il senatore di Forza Italia Lucio Malan e la ministra per le riforme Maria Elena Boschi. L'8 giugno scorso Boschi ha risposto a un'interrogazione spiegando che con la riforma costituzionale ci sarebbe un risparmio di 490 milioni l'anno, di cui 80 milioni derivanti dall'indennità e dai rimborsi dei senatori, 70 dal funzionamento delle commissioni, cui si aggiungono la progressiva riduzione dei funzionari e il superamento delle province che porterebbe un risparmio di circa 320 milioni l'anno.

Diversi i calcoli del senatore forzista: i risparmi sarebbero di poco più di 50 milioni, ovvero circa il 10% di quanto stimato dalla ministra. Secondo Malan dal taglio delle indennità e dei rimborsi dei senatori si eviterebbero spese per 42 milioni, dei 70 ipotizzati da Boschi per le commissioni invece Malan stima un risparmio di soli 5,5%. Per quanto riguarda la riforma delle Province, il senatore è convinto che non ci sarebbero risparmi sono già state abolite dalla legge Delrio. Infine, dei 20 milioni ottenuti dal taglio del Cnel, solo 2,2 sarebbero reali per l'esponente di Forza Italia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale, Consultazioni

Governo, Macron chiama Conte. Salvini: "In serata la nostra lista dei ministri al premier incaricato"

Polemiche su Paolo Savona all'Economia. Il leader del Carroccio: "Tempo da perdere non ne abbiamo"

Governo, resta nodo Savona. Conte vede Giansanti, in corsa per la carica di ministro degli Esteri

Salvini: "No a ministro che piace a Merkel". Casaleggio: "Mattarella e Conte troveranno soluzione". Renzi: "Spread colpa di Lega e M5s"

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"