Domenica 12 Giugno 2016 - 12:30

Riforme, Boschi: Non cambieremo l'Italicum

La ministra: "Non sarò io il vicesegretario unico del Partito democratico"

La ministra Boschi

Roma, 12 giu. (LaPresse) - "No, non cambieremo la legge elettorale. Mi spiace, nel caso, per Scalfari. E non è vero che aumenti potere del presidente del Consiglio". Così il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi a L'intervista di Maria Latella su Sky Tg24, rispetto alla posizione espressa da Eugenio Scalfari che ha detto di votare 'sì' per il referendum costituzionale nel caso si cambi l'Italicum.

"No, non sarò io il vicesegretario unico del Partito democratico. Abbiamo due segretari che stanno facendo bene il loro lavoro quindi resteranno loro", ha detto inoltre Boschi. Sulle elezioni la ministra ha aggiunto: "Come Pd abbiamo pagato dove abbiamo cambiato troppo poco". E in particolare in merito a Napoli e al Pd campano, ha spiegato che serve "un'operazione vera di ricostruzione del partito". "Io non so se ci sarà il vicesegretario unico. Sono scelte che farà il segretario nella segreteria dopo i ballottaggi" del 19 giugno, ha sottolineato Boschi.

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso e pavido: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"