Domenica 12 Giugno 2016 - 12:30

Riforme, Boschi: Non cambieremo l'Italicum

La ministra: "Non sarò io il vicesegretario unico del Partito democratico"

La ministra Boschi

Roma, 12 giu. (LaPresse) - "No, non cambieremo la legge elettorale. Mi spiace, nel caso, per Scalfari. E non è vero che aumenti potere del presidente del Consiglio". Così il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi a L'intervista di Maria Latella su Sky Tg24, rispetto alla posizione espressa da Eugenio Scalfari che ha detto di votare 'sì' per il referendum costituzionale nel caso si cambi l'Italicum.

"No, non sarò io il vicesegretario unico del Partito democratico. Abbiamo due segretari che stanno facendo bene il loro lavoro quindi resteranno loro", ha detto inoltre Boschi. Sulle elezioni la ministra ha aggiunto: "Come Pd abbiamo pagato dove abbiamo cambiato troppo poco". E in particolare in merito a Napoli e al Pd campano, ha spiegato che serve "un'operazione vera di ricostruzione del partito". "Io non so se ci sarà il vicesegretario unico. Sono scelte che farà il segretario nella segreteria dopo i ballottaggi" del 19 giugno, ha sottolineato Boschi.

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Conte non scioglierà la riserva prima di sabato

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"