Martedì 07 Giugno 2016 - 10:45

Ricky Martin, Eva Longoria esultano per nomination Hillary Clinton

"Sono americana da nove generazioni, ma sono sicura che Trump vi direbbe il contrario", ha detto l'attrice

 Eva Longoria esulta per nomination Hillary Clinton

Ricky Martin, Stevie Wonder ed Eva Longoria hanno preso parte alla raccolta fondi per Hillary Clinton al Greek Theatre di Los Angeles. Quando la Nbc ha comunicato che l'ex segretario di stato americano ha superato il numero minimo di delegati necessari per confermarsi come candidata democratica per le elezioni presidenziali, al Greek Theatre è scattata la festa. Alla notizia dei 2.383 delegati, la folla ha esultato con grandi applausi. Ricky Martin ha ballato e cantato a ritmo di 'Livin la vida loca' e 'La copa de la vida'. "Sono americana da nove generazioni, ma sono sicura che Trump vi direbbe il contrario", ha detto l'attrice Eva Longoria, sottolineando nel suo discorso che affrontare la riforma dell'immigrazione è una "questione morale".

"Io sono qui (a supporto di Clinton ndr) non come una persona famosa, sono qui come americana che si preoccupa profondamente di come questo paese sta andando", ha aggiunto Longoria. Sul palco si sono avvicendati i musicisti Stevie Wonder, Cristina Aguilera, Cher e John Legend, insieme ad altri artisti come Jamie Foxx, Shonda Rhimes, Earvin 'Magic' Johnson per esprimere il proprio favore alla candidatura di Hillary Clinton.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

US-POLITICS-ECONOMY-IMF-WORLDBANK-SPRING-MEETINGS

La Francia avverte l'Italia: "Se non rispetta impegni a rischio stabilità dell'eurozona"

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire lancia l'allarme e ricorda: "In Europa ci sono regole da rispettare"

VENEZUELA-ELECTION-PREPARATIONS

Venezuela stremato al voto per le presidenziali: Maduro verso la rielezione

Urne aperte fino alle 18 (mezzanotte in Italia). Schierati circa 300mila militari e poliziotti

Germania, festival neonazista per celebrare il compleanno di Hitler

Germania, due morti in una sparatoria a Saarbrücken

Non si tratterebbe di attentato, ma di un crimine in ambiente familiare