Giovedì 21 Aprile 2016 - 09:45

Reportage dal Brennero: Sud Tirolo trattiene il fiato, Vienna insiste su chiusura

Il racconto della nostra inviata al confine con l'Austria dopo l'annuncio di un giro di vite sui migranti

REPORTAGE dal Brennero, Sud Tirolo trattiene fiato, Vienna insiste su chiusura

Il Sud Tirolo sembra trattenere il fiato, sospeso nell’attesa di capire che cosa davvero l’Austria farà al valico del Brennero. Davvero, cioè oltre le minacce di costruire barriere e aumentare controlli di confine, e oltre le paure per le ripercussioni economiche e simboliche, locali ed europee, che misure del genere potrebbero avere. Per ora, nella pungente aria dei 1.370 metri del passo dove la neve ancora non si è sciolta, nulla sembra mutato. Di barriere non c’è traccia, così come di personale di polizia o sicurezza austriaco. Tutto ciò che si può concretamente vedere è un guard rail rimosso e sostituito con dei blocchi di cemento, appena oltre il confine, al margine destro della carreggiata in cui si viaggia verso nord.

Loading the player...

Per individuare quello che è il primo atto concreto delle politiche “rigide” di Vienna bisogna farsi dare indicazioni dai commessi dei negozi e dai dipendenti dell’autostrada. Una ventina di metri di guard rail, spiegano, è stata rimossa per permettere di avere una “uscita” laterale per le auto selezionate con controlli a vista, considerate in qualche modo sospette. Nessuna segnalazione di cantiere, così come nessuna barriera o inizio di barriera è stata eretta sulla statale o altrove. Per ora, dicono a Brennero, e in attesa di quel primo giugno che Vienna ha citato come data di inizio dei controlli.

Per dire no al confine "rigido" e sì alla libertà di circolazione, domenica al Brennero è prevista un’altra marcia, come quella che il 3 aprile è sfociata in alcuni momenti di tensione. “Armati” di tende e salvagente arancioni, con lo slogan “open borders” i dimostranti hanno chiesto che i migranti siano trattati in modo più umano e che le frontiere interne all’Ue restino aperte. La polizia ha usato gas lacrimogeni e spray urticanti contro di loro, nei momenti di maggior tensione, quindi per domenica l’Austria ha annunciato il dispiegamento di 3mila soldati al confine.

Scritto da 
  • Agnese Gazzera
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto

Francavilla, uomo lancia figlia della convivente dal viadotto della A14 e si suicida

La tragedia del cavalcavia. "Filippone non aveva problemi psichici"

Chieti: tre le vittime della follia dell'uomo: la moglie, la figlia e lui stesso. Molti aspetti ancora da chiarire

Presentazione del progetto " Stradeinfesta "

Roma si mobilita per la Casa delle donne. Raggi: "Non la chiuderemo"

A rischio la storica sede di associazioni dei movimenti femministi in via della Lungara. La consigliera M5S Guerini intenderebbe trasformarla in un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale