Mercoledì 09 Novembre 2016 - 22:15

Renzi: Usa 2016 prova che sondaggi non ci azzeccano, spero avanti così

Il premier è intervenuto in diretta su Facebook nel corso di #Matteorisponde

Renzi: Usa 2016 prova che sondaggi non ci azzeccano, spero avanti così

"Se c'è un elemento positivo di questa campagna è che abbiamo avuto la prova provata che i sondaggi non ne azzeccano una. Sarebbe bello se si avverasse anche in futuro". Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi nel corso di #Matteorisponde in diretta su Facebook a proposito delle elezioni Usa. "Credo che il presidente Trump sarà diverso dal candidato Trump", ha sottolineato, "penso che non ci sia un collegamento" tra le elezioni Usa e il referendum, "sono elezioni diverse, in Paesi diversi: la Brexit, le elezioni Usa, il referendum del 4 dicembre". Il premier segretario ha poi scherzato sulla richiesta di dimissioni nei suoi confronti dopo la vittoria di Donald Trump: "Brunetta ormai ha questa fissa. Dobbiamo volergli bene". Nessun timore, comunque, per i rapporti con Whashington dopo l'appoggio alla candidata democratica, uscita sconfitta: "Penso che questa visione sia molto provinciale. Quasi tutti i leader e le cancellerie sostenevano Hillary Clinton. I rapporti con gli Usa sono buoni e solidi".

Renzi è poi passato a parlare del rapporto con l'Ue: "Chi ha insultato la Commissione europea? Noi, no: nessuno di noi. L'Ue è un'istituzione alla quale portiamo rispetto, ma ci sono delle battaglie di buon senso. Avere i denari per la ricostruzione  post sisma è una emergenza chiara, forte. Ma di cosa stiamo parlando?". "Nessuna polemica - ha aggiunto - ma l'Italia ha il dovere di farsi rispetare".
 

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale