Martedì 11 Luglio 2017 - 14:15

Renzi: Tornare criteri Maastricht? Solo con governo forte

La scelta sulla riduzione del debito pubblico "non è una trovata last minute", dice il segretario Pd

 Renzi: Tornare a criteri Maastricht? Solo con governo forte

"Oggi trovate ovunque molti commenti sulla proposta che è contenuta in 'Avanti' di ridurre il debito pubblico e di tornare ai criteri di Maastricht. Questa scelta - alla quale stiamo lavorando da anni, non è una trovata last minute - può essere realizzata solo se l'Italia è forte, con un governo di legislatura davanti. Vantaggi: una riduzione di almeno trenta miliardi di tasse, da decidere in modo intelligente e selettivo per continuare il lavoro iniziato con la flessibilità". Così Matteo Renzi su Facebook. "Nei fatti questa operazione è il secondo tempo della battaglia sulla flessibilità. E fateci caso: le reazioni degli europei sono le stesse, identiche anche nelle parole, alle reazioni di tre anni fa. Quando iniziammo a parlare di flessibilità tutti ci guardarono come fossimo pazzi. Tutti ci dissero: sarà impossibile, è contro le regole. Eppure l'Italia ce l'ha fatta, abbiamo ottenuto il risultato. Ce la faremo anche stavolta, amici", aggiunge.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Giuseppe Conte arriva alla Camera per le consultazioni

Conte incontra i partiti. Colle: "Problema non sono veti, ma diktat a Mattarella e premier incaricato"

Salvini e Di Maio blindano Savona. Irritazione del Quirinale: "Non si limiti autonomia del presidente del Consiglio"

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi