Giovedì 10 Novembre 2016 - 20:45

Renzi: Social network diffusori di odio, in politica uso perverso

"Il consenso politico e la politica con 'p' maiuscola non stanno negli hashtag"

Matteo Renzi al cinema teatro Circus di Pescara intervistato da Luca Sofri

"I social network oggi sono un diffusore di odio, tre anni fa non avrei mai pensato di dire una cosa del genere. In politica c'è un utilizzo perverso, non è più un terreno di confronto". La pensa così il premier Matteo Renzi intervistato da Luca Sofri per l'inaugurazione del Festival delle Letterature dell'Adriatico al Teatro Cinema Circus di Pescara. Il presidente del Consiglio ricorda che in occasione dell'elezione del presidente della Repubblica in una riunione "ho chiesto di non usare Twitter".

"Il consenso politico e la politica con 'p' maiuscola non stanno negli hashtag - aggiunge - Perché alcune realtà hanno scommesso su realizzazione falsi profili, con un sistema reticolare".

GUARDA IL VIDEO Un uomo sviene in sala davanti a Renzi

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio. Manifestazione del Movimento 5 stelle contro il Rosatellum

Decreto Dignità, Fico: "Credo a Di Maio". E la 'manina' diventa un'ossessione

Per il ministro "il numero della relazione una questione da chiarire ancora"

Funerali di Carlo Vanzina alla Basilica di Santa Maria degli Angeli

Vigilanza Rai, Berlusconi vuole Barachini. Per Consulta accordo su Antonini

La candidatura potrebbe essere apprezzata anche dal Movimento 5 Stelle

TOPSHOT-ITALY-EUROPE-POLITICS-MIGRANTS

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico". Ue: "Italia ha ragione su cooperazione"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici e l'Irlanda prenderanno una quota di persone. Governo: "Per la prima volta sono sbarcati in Europa"

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno