Mercoledì 08 Giugno 2016 - 19:30

Renzi: Se Pd perde a Roma salta candidatura per Olimpiadi2024

E sulle comunali aggiunge: "Dopo il ballottaggio nel partito ci entriamo con il lanciafiamme"

Matteo Renzi ospite di Otto e Mezzo

"Se mi dimetto nel caso il Pd perda a Roma e Milano? Assolutamente no, l'esito della permanenza al governo è legato al referendum non alle amministrative. Certo, ho l'impressione che se il Pd perde a Roma saltino le Olimpiadi del 2024". A dirlo è il premier Matteo Renzi nel corso della registrazione di 'Otto e Mezzo' su La7. "Raggi ha detto che le Olimpiadi sono 'criminali'. Una dichiarazione impegnativa. Lei sa che deve firmare un lettera da dare al Cio per la rinuncia e se vincerà credo che questa grande opportunità di lavoro per Roma ed anche per le sue periferie salterà", aggiunge.

BALLOTTAGGI E LANCIAFIAMME. "A Napoli abbiamo fallito, è andata male ma nel napoletano abbiamo vinto in 7 comuni su 8. Non torna dare una lettura omogenea sui dati". E a Torino? "Fra Fassino ed Appendino ci sono più voti di differenza che fra Giachetti e Raggi, poi i ballottaggi sono sempre da 1x2". "Dopo il ballottaggio - afferma - nel partito ci entriamo con il lanciafiamme". "Espulsioni? Macché espulsioni, quelle le fanno altri, ma dobbiamo mettere al centro chi lavora e non chi sta a pensare solo alla propria carriera", spiega il premier.

PD PRIMO PARTITO. "Non condivido l'analisi secondo la quale al primo turno delle comunali abbia vinto il M5S", ha sottolineato Renzi nel corso della registrazione di 'Otto e Mezzo'. "Penso che il Pd sia nettamente il primo partito d'Italia senza nessuna ombra di discussione". 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso e pavido: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"