Mercoledì 31 Maggio 2017 - 09:45

Renzi: Raggi fa bene, ma garantismo deve valere per tutti

"Fini? Vale garantismo, ma per politici ci sia trasparenza conti"

Renzi: Raggi fa bene, ma garantismo deve valere per tutti

"Secondo me Raggi fa bene, è giusto finché non c'è una sentenza passata in giudicato pretendere garantismo", ma "rimane da capire perché i 5 stelle quando viene rinviato a giudizio un altro fanno una gran cassa". Così il segretario del Pd, Matteo Renzi, a '#OreNove', nuovo appuntamento di approfondimento in diretta sui canali Facebook e Youtube.

"E' normale che un partito fondato da un pregiudicato possa avere una morale su due livelli?" ha aggiunto Renzi a proposito della decisione di Virginia Raggi di non dimettersi in caso di rinvio a giudizio.
 

Una parola anche sul caso Fini: "Vale il principio di rispetto del garantismo, ma tuttavia per i politici deve valere la trasparenza sui propri conti e stile di vita".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, assemblea circoli Pd

Burioni dice no a Renzi: "Non mi candido, ma la mia lotta continua"

Il medico e volto della campagna pro vaccini: "Combatterò per la verità contro le bugie fuori dal Parlamento". E agli elettori: "Evitate i cialtroni"

Assemblea degli amministratori del PD nella Sala dei 500 del Lingotto di Torino

Elezioni, Renzi: "Flat tax fa pagare meno tasse a miliardari come Berlusconi e Grillo"

Parlando dei suoi avversari politici ha aggiunto: "Noi non possiamo dialogare con forze populiste"

Presentazione del programma di governo del M5s al Villaggio Rousseau di Pescara

Elezioni, Di Maio. "Se non avrò i numeri farò appello a tutti i partiti"

E rispondendo al premier Gentiloni: "È il Pd a non avere i numeri. Così fa endorsement a Berlusconi"

Hotel Nazionale. Pierluigi Bersani partecipa ad un seminario su Giuseppe Dossetti

Bersani: "Parlare con M5s è un dovere, fare un'alleanza è tutto un altro film"

L'esponente di Leu parla a Radio Capital delle possibili alleanze con Berlusconi e Di Maio