Giovedì 27 Aprile 2017 - 21:00

Renzi: Per noi ok alle preferenze, Grillo in difficoltà

"Col proporzionale i partiti fanno gli accordi. Io voglio cambiare sistema"

Renzi: Per noi ok alle preferenze, Grillo in difficoltà

"Noi siamo pronti, noi i voti di preferenza li sappiamo prendere. Ho impressione che gli altri quando si fa sul serio abbiano delle difficoltà. Scusate cosa è successo a Genova? A Grillo senza capilista bloccati non gli passeranno i suoi. Di Maio a Pomigliano ha preso 59 voti".  Lo ha detto Matteo Renzi nel corso della puntata di 'Porta a porta' che andrà in onda questa sera.  "Non facciano giochini. Sa cosa hanno in testa? Il Provincellum. Un sistema che non ha preferenze, ha un sacco di collegi e poi non sai chi passa. Questo sistema gioca a chi non ha un voto. A chi non ha la possibilità di tornare in Parlamento senza un colpo di fortuna. Facciano la legge elettorale che vogliono ma ci deve essere un sistema chiaro, per cui se io voto Renzi so che eleggo Renzi" ha aggiunto l'ex presidente del Consiglio.

"Non si capisce quale sarà la legge elettorale se ci fosse il Mattarellum, mi pare improbabile, le coalizioni sarebbero più semplici. Se c'è il proporzionale, come nella Prima repubblica, i partiti fanno gli accordi in Parlamento. Ma io volevo cambiare questo sistema, ora non venite a cercare me" ha poi sottolineato.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Cdp, c'è l'accordo sulle nomine: l'ad sarà Fabrizio Palermo. Fumata bianca dopo il vertice a Palazzo Chigi

Sbloccato l'impasse. Di Maio: "L'intesa è un'ottima notizia". Tria incassa la nomina desiderata al Tesoro: Rivera nuovo dg