Mercoledì 17 Maggio 2017 - 20:45

Legge elettorale, testo base: 50% maggioritario-50% proporzionale

Renzi: "Come Partito Democratico lanciamo un appello a tutti gli altri: per favore, non perdete altro tempo"

MODELLO DELLA PARTE INTERNA DELLA SCHEDA DI VOTAZIONE PER LA ELEZIONE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

 Meccanismo al 50% di collegi uninominali e al 50% proporzionale. Questo il sistema di legge elettorale contenuto nel testo base depositato dal relatore Emanuele Fiano in commissione Affari costituzionali della Camera. Lo stesso relatore Dem conferma che la soglia prevista nel ribattezzato Rosatellum è al 5%. "Un meccanismo proporzionale - spiega Fiano - con 303 collegi della Camera, 11 per il Trentino Alto Adige, 1 Valle D'Aosta, 12 esteri e 150 collegi del Senato".

"Legge elettorale. Dopo mesi di rinvii, la Camera ha deciso di andare in aula il 29 maggio. Questo permetterà - per regolamento - di avere tempi contingentati e di approvare la nuova legge nei primi giorni di giugno. Come Partito Democratico lanciamo un appello a tutti gli altri: per favore, non perdete altro tempo. Diteci dei no o dei sì, fate emendamenti, avanzate controproposte. Ma non rinviate ancora la data del 29 maggio. Sono passati ormai quasi sei mesi dal referendum: per favore, non prendete in giro i cittadini. Il PD offre serietà ma chiede rispetto per gli italiani". Così il segretario del Pd Matteo Renzi su Facebook in merito alla legge elettorale. L'ex premier aveva sottolineato:  "Sulla legge elettorale basta rinvii. Il Pd c'è. Gli altri?".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito

Cdp, chi è Palermo: manager interno che ha lavorato a Fincantieri

Lavora già a Cdp da quasi 4 anni, dove è Chief Financial Officer

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Cdp, c'è l'accordo sulle nomine: l'ad sarà Fabrizio Palermo. Fumata bianca dopo il vertice a Palazzo Chigi

Sbloccato l'impasse. Di Maio: "L'intesa è un'ottima notizia". Tria incassa la nomina desiderata al Tesoro: Rivera nuovo dg