Mercoledì 23 Marzo 2016 - 08:45

Renzi: No minaccia specifica ma in campo misure necessarie

"Occorre mettere denari veri sulle aree urbane. Serve un gigantesco investimento in cultura" ha aggiunto il premier

Matteo Renzi

 "Abbiamo come tutti i partner messo in campo tutte le misure di sicurezza necessarie, anche se non risulta ad ora una minaccia specifica in Italia". Così, secondo quanto si apprende, il presidente del Consiglio Matteo Renzi aprendo l'incontro con i capigruppo di maggioranza e opposizione. "Occorre - ha aggiunto Renzi - stringere sui meccanismi di intelligence fra i paesi europei e non solo, valorizzare Europol, lavorare su una struttura condivisa".

INVESTIRE SULLE PERIFERIE.  "Occorre mettere denari veri sulle aree urbane. Serve un gigantesco investimento in cultura, sulle periferie urbane, un investimento sociale. Continuo a pensare che l'aspetto educativo per sconfiggere minacce nate e cresciute in Europa sia fondamentale". Così, secondo quanto si apprende, il presidente del Consiglio Matteo Renzi aprendo l'incontro con i capigruppo di maggioranza e opposizione.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Grillo chiude la prima giornata della festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

Assange loda Grillo: Con lui sbaragliate la stampa corrotta

Il giornalista sostiene il comico in collegamento con il raduno M5s a Palermo

Festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo, secondo giorno

Raggi nei gazebo: assalto di attivisti e insulti alla stampa

La folla attacca i cronisti: "Venduti, servi della gleba"

Viriginia Raggia sul palco della festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

M5S, Grillo di nuovo leader. Raggi: Abbiamo preso Roma, ora puntiamo all'Italia

Attivisti insultano i giornalisti presenti al raduno. Assange loda il comico: "Con lui sbaragliate stampa corrotta"

Beppe Grillo sul palco della festa nazionale del Movimeto 5 Stelle a Palermo

Grillo scherza a Palermo: Urbanistica ideata da uno 'fatto' di crack

Ma sul Jobs act il comico torna serio: "E' una presa per il c..o"