Giovedì 01 Settembre 2016 - 09:30

Renzi: L'anno prossimo abbasseremo al 24% Ires e Iri

E sulle Olimpiadi a Roma: "Grande occasione, dire no è un errore"

Renzi: L'anno prossimo abbasseremo al 24% Ires e Iri

Le tasse non cresceranno, anzi. Parola del premier Matteo Renzi, che intervenendo a Rtl 102.5 ha annunciato: "Abbasseremo il canone per il prossimo anno, cercheremo di ridurre passo passo il peso fiscale".  E il presidente del Consiglio precisa anche i termini: "Il prossimo anno abbasseremo l'Ires dal 27,5% al 24% per le società di capitali, ma anche l'Iri per le società di persone. Sui lavoratori autonomi faremo anche un intervento per dare certezze ai giovani". Il premier è tornato anche sulla questione ooccupazione: "Non sono mai soddisfatto dei dati economici. Ma i dati sono questi. Dal 22 febbraio 2014 l'Istat dice che oggi ci sono 585mila posti di lavoro in più. Non è merito mio o della sorte, ma del Jobs act. La realtà è che il Paese ha avuto un miglioramento del mercato del lavoro non ancora soddisfacente ma oggettivamente straordinario. Io ci avrei messo la firma per 100mila posti di lavoro in più all'anno, invece ce ne sono più del doppio delle mie aspettative".

Renzi ha poi affrontato la questione candidatura di Roma a ospitare i Giochi del 2024: "Penso che le Olimpiadi siano una cosa fantastica, perchè portano tanti soldi anche per le periferie e per le persone in difficoltà. Ci sono stati esempi negativi ma vediamo esempi positivi come Barcellona e Rio". "Sono una grande occasione per le città e penso che per Roma sarebbero una bellissima opportunità", ha aggiunto il presidente del Consiglio. "Il 7 ottobre la sindaca Raggi o firma la lettera o non la firma", ha aggiunto Renzi riferendosi alla necessità che Raggi dia il suo appoggio alla candidatura della città, "penso che non firmarla sia un errore anche perché noi siamo in testa in questo momento rispetto alle altre candidate".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Editoria, Cdr agenzie di stampa proclamano per domani sciopero

Le agenzie di stampa hanno proclamato lo sciopero: stop di 24 ore dalle 6 di sabato

Indetto dai cdr alla luce delle mancate risposte da parte del ministro Luca Lotti sul bando di gara europeo

Prodi: Un'Europa a due velocità per sopravvivere alla tempesta

Prodi: Un'Europa a due velocità per sopravvivere alla tempesta

"C'è una carenza di leadership in Europa rispetto al passato"

Appello del Papa: L'Europa si riscopra comunità solidale di popoli e di persone

Appello del Papa: L'Europa si riscopra comunità solidale

"Non si può gestire la crisi migratoria come problema numerico, economico o di sicurezza" ha sottolineato Francesco

Renzi: Il racconto di me burattinaio del governo non esiste

Renzi: Io burattinaio governo? Racconto che non esiste

"Io mi sono dimesso da tutto, da premier e da segretario"