Lunedì 15 Maggio 2017 - 17:15

'Renzi e Boschi non sc...': nuova polemica sul titolo di 'Libero'

Raggi vittima di un titolo simile: "Deprecabili offese sessiste"

'Renzi e Boschi non sc...': nuova polemica sul titolo di 'Libero'

Nuova polemica su 'Libero' e i suoi titoli controversi. Quello scelto per la prima pagina di oggi è 'Renzi e Boschi non scopano': il riferimento è al 'ramazza day', iniziativa durante la quale diversi membri del Pd si sono riversati per le strade di Roma per liberarla dai rifiuti, ma l'allusione sessuale è più che evidente. Dal partito si alza la voce di Alessandra Moretti, che su Twitter scrive: "Ditemi se Libero può essere considerato un giornale".

 

 

Critica anche l'Unità, che punta il dito contro il "sessismo" del quotidiano. 

 

 

LEGGI ANCHE Raggi 'patata bollente': pioggia di critiche su 'Libero' 

Dello stesso parere la sindaca Virginia Raggi, che tempo fa era stata vittima di un titolo dello stesso stampo ('Patata bollente'). "Vergognoso attacco di Libero. Sempre deprecabili offese sessiste. Stampa libera è altro", cinguetta la pentastellata.

 

 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici prenderanno una quota di persone. Il "no" di Praga. Difficile gestire così i prossimi sbarchi

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto