Lunedì 15 Maggio 2017 - 17:15

'Renzi e Boschi non sc...': nuova polemica sul titolo di 'Libero'

Raggi vittima di un titolo simile: "Deprecabili offese sessiste"

'Renzi e Boschi non sc...': nuova polemica sul titolo di 'Libero'

Nuova polemica su 'Libero' e i suoi titoli controversi. Quello scelto per la prima pagina di oggi è 'Renzi e Boschi non scopano': il riferimento è al 'ramazza day', iniziativa durante la quale diversi membri del Pd si sono riversati per le strade di Roma per liberarla dai rifiuti, ma l'allusione sessuale è più che evidente. Dal partito si alza la voce di Alessandra Moretti, che su Twitter scrive: "Ditemi se Libero può essere considerato un giornale".

 

 

Critica anche l'Unità, che punta il dito contro il "sessismo" del quotidiano. 

 

 

LEGGI ANCHE Raggi 'patata bollente': pioggia di critiche su 'Libero' 

Dello stesso parere la sindaca Virginia Raggi, che tempo fa era stata vittima di un titolo dello stesso stampo ('Patata bollente'). "Vergognoso attacco di Libero. Sempre deprecabili offese sessiste. Stampa libera è altro", cinguetta la pentastellata.

 

 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

"Si dovrebbe fare una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici da un punto di vista della qualità"

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra