Martedì 25 Ottobre 2016 - 20:45

Renzi: Disponibili a tagli stipendi purché non sia scherzetto M5S

Ma il premier è diffidente: "Grillo si è inventato 'la mossa' per andare contro di me"

Renzi: Disponibili a tagli stipendi purché non sia scherzetto M5S

"Se i parlamentari si dimezzano lo stipendio, prendono quanto prende il presidente del Consiglio o un ministro, e arriviamo tranquillamente alla fine del mese. Non si prende più il vitalizio: si è già fatto qualcosa. Noi siamo disponibili a ridurre e anche a dimezzare lo stipendio, a condizione che non sia uno scherzetto, non sia la 'mossa'". Così il premier Matteo Renzi rispondendo su Beppe Grillo e la proposta M5S di taglio degli stipendi ai parlamentar alla registrazione della puntata di Porta a Porta che andrà in onda questa sera su Rai1. "Ridurre lo stipendio dei parlamentari? Sì, ma leghiamolo alle presenze in aula. C'è gente che non va mai, io non la pagherei", ha aggiunto.

"Grillo si è inventato 'la mossa' per andare contro di me, siccome con il referendum tagliamo i costi della politica e riduciamo il numero dei parlamentarie lui si trova in difficoltà a spiegare che voterà No", ha aggiunto il premier.

"Di Maio non viene in aula perché è in missione? In missione ci vanno i missionari", ironizza inoltre Renzi, spiegando che lo stipendio ai parlamentari dovrebbe essere proporzionale alla presenza in aula e non solo dimezzato come vuole la proposta del M5S.

Poi la battuta finale: "Vespa, mi invita in trasmissione con Grillo che si fa due chiacchiere?".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale