Lunedì 23 Maggio 2016 - 10:45

Renzi: Denis Verdini? Chi vota la fiducia è importante

"Con l'Italicum stop agli inciuci" annuncia il presidente del Consiglio

Denis Verdini

 "Verdini è il capo di un partito che si chiama Ala. Quando votava la fiducia al governo Monti o al Governo Letta nessuno diceva niente, ora sono tutti preoccupati". Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi, a Radio 105. "Finché c'è un sistema parlamentare in cui nessuno ha la maggioranza, è chiaro che ci saranno le maggioranze parlamentari e gli accordi parlamentari - ha aggiunto - Se nessuno alle elezioni ha preso i voti per avere la maggioranza nei due rami del parlamento, bisogna fare un accordo in parlamento. E allora, se uno vota la fiducia, come è accaduto, è evidente che è importante, se non in alcuni casi decisivo. Ma questo vale per tutti quelli che votano la fiducia. Se passa il referendum e se andiamo a elezioni con l'italicum, basta inciuci e basta accordicchi. Chi vince governa e basta grandi ammucchiate. E questo è il programma per il futuro".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Governo, Conte è il nuovo premier. Il giurista accetta l'incarico con riserva

Di Maio esulta: "Inizia la terza Repubblica". Lega: "Pronti a partire"

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, M5S si divide su Conte premier. Di Maio: "Resta il nostro candidato". Carelli: "Potrebbe saltare"

Si attende la decisione di Mattarella. Il prof indicato da Lega e M5S per l'incarico a presidente dei Consiglio finito nella bufera per le presunte irregolarità nel suo curriculum

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, chi è Paolo Savona: l'economista anti euro

È stato direttore della Banca d'Italia e di Confindustria. È lui il nome indicato da Salvini e Di Maio per il Mef