Mercoledì 30 Novembre 2016 - 07:00

Renzi: Articolo 70 troppo lungo? Costituzione non è Topolino

E su Monti: "Dice che abbiamo aumentato le tasse? Falso, mai fidarsi dei governi tecnici"

Renzi: Articolo 70 troppo lungo? Costituzione non è Topolino

"L'articolo 70 non è troppo lungo: spiega nel dettaglio. La Germania ha sei articoli per spiegare gli stessi argomenti. E' difficile da leggere? E' la Costituzione, non è Topolino". Queste le parole del premier Matteo Renzi, rispondendo alle domande dei cittadini su Facebook nel suo ormai tradizionale 'Matteo Risponde'.

"Dedichiamo questa serata a chi non odia, a chi vuole ascoltare le ragioni dell'altro. Anche i giornali internazionali si stanno accorgendo che c'è chi usa internet solo per fare polemica", ha detto il premier. "I cittadini voteranno nome e cognome del senatore che manderanno a Roma. Il senatore non avrà più i poteri di prima, ma in caso di vittoria del Sì i cittadini sceglieranno ed eleggeranno i loro senatori".

LEGGI ANCHE Terremoto, Renzi: Da oggi in realizzazione prime casette

Poi ha aggiunto: "Monti ha detto che noi abbiamo aumentato le tasse. Non ricordo un governo tecnico che abbia aumentato le tasse più del governo Monti. Mai fidarsi dei governi tecnici". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il "cavallo morente" simbolo della Rai in Viale Mazzini

Rai: Coletta nominato direttore di Rai3 dopo addio di Bignardi

Coletta ha iniziato la sua carriera in Rai nel 1991 come redattore e conduttore di programmi radiofonici

Senato - dl su banche venete

Banche venete, Senato a fiducia con 148 sì. M5s lancia soldi finti

Le critiche del Movimento 5 Stelle e della Lega. Rossi (Pd): "Così salviamo le famiglie"

Senato - dl Vaccini

Dl Sud, Senato vota sì alla fiducia con appello nominale

L'aula del Senato ha approvato, con voto per appello nominale, la questione di fiducia

Camera dei Deputati - pdl su abolizione vitalizi

Vitalizi, Camera dice sì ad abolizione con 348 voti favorevoli

L'aula è esplosa in un lungo applauso: 348 sì, 17 no, 28 astenuti. Il provvedimento passa ora al Senato