Mercoledì 19 Ottobre 2016 - 20:15

Renzi: Infrazione a chi non rispetta legge sui migranti

Il premier sarà domani e venerdì a Bruxelles per partecipare al Consiglio europeo

Renzi all'Ue: Nostra manovra è seria, infrazione a chi non rispetta legge su migranti

"Abbiamo fatto una manovra molto seria, strategica, non puntata su bonus. E' una manovra che porta miliardi veri nell'economia". Così Matteo Renzi nel punto con i giornalisti all'ambasciata italiana a Washington. Renzi ha poi toccato il tema dei migranti: "Se mi aspetto procedure di infrazione? Sì, ma per i Paesi che non hanno fatto la rilocation dei migranti". Il presidente del Consiglio ha quindi spiegato che la "manovra fissa il deficit al 2,3%, il più basso da anni". Il premier si è chiesto su cosa l'Europa possa dire di 'no' alla legge di bilancio: "alla clausola sui soldi alla scuola di Amatrice o sull'immigrazione?".  Renzi, che domani e venerdì sarà a Bruxelles per il Consiglio europeo, ha aggiunto di aspettarsi piuttosto dall'Ue "la procedura di ringraziamento citata da Afano", facendo riferimento alle parole pronunciate dal ministro dell'Interno nel 2015.

RUSSIA. "Con Obama abbiamo fatto una lunga discussione sull'Europa e sul rapporto tra Unione europea e Russia. In particolare, su come si possa lavorare nei prossimi mesi per tenere forti i nostri valori e insieme tenere aperti i canali di dialogo" ha detto Renzi sottolineando: "Per quanto riguarda le sanzioni con la Russia: l'Italia è in linea con la comunità occidentale. Il problema del rapporto con la Russia è piuttosto culturale e politico". 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale