Venerdì 03 Maggio 2013 - 14:40

Regno Unito, trionfo euroscettici Ukip in elezioni comunali

IMG

Londra (Regno Unito), 3 mag. (LaPresse/AP) - Batosta per il Partito conservatore di David Cameron nelle elezioni locali di ieri nel Regno Unito, dove hanno trionfato invece gli euroscettici del Partito per l'indipendenza Ukip. Si è votato in 34 comuni in Inghilterra e ad Anglesey, un'isola del Galles. L'Ukip ha ottenuto 42 seggi e i laburisti ne hanno raggiunti 26; in calo sia i LibDem, che hanno perso 16 seggi, che i conservatori di Cameron che ne hanno persi 74. Il successo dell'Ukip, anti Ue e anti immigrazione, aggiunge pressioni su Cameron per arginare la fuga di voti dal suo partito in vista delle elezioni generali del 2015.

Il leader dell'Ukip, Nigel Farage, ha commentato i risultati dicendo alla Bbc che manderanno "un'onda d'urto" all'establishment britannico. "È una vera profonda trasformazione nella politica britannica", ha aggiunto. Al Partito per l'indipendenza, qualche tempo fa Cameron si era riferito definendolo un mucchio di "svitati, matti e un covo di razzisti". L'esito del voto potrebbe spingere i Tories a introdurre le leggi necessarie a mantenere la promessa di Cameron di un referendum da tenersi nel 2017 sulla permanenza nell'Ue, in caso di una sua rielezione nel 2015.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Terrorismo, Isis minaccia cristiani con foto Papa decapitato

Un messaggio di minaccia contro "i fedeli della croce"

Attentato Barcellona, gli oggetti in memoria delle vittime saranno trasferiti al Museo di Storia

Attentati Catalogna, la mente era un informatore dei servizi segreti

La rivelazione del quotidiano El Pais, confermata da Madrid. Si tratta dell'Imam di Ripoll: Abdelbaki Es-Satty

A protestor holds the Catalan flag as he awaits the arrival of sacked Catalan President Carles Puigdemont at court in Brussels

Catalogna, rinviata decisione su estradizione Puigdemont, udienza il 4/12

I mandati europei sono stati spiccati per sedizione, ribellione, malversazione, disobbedienza e prevaricazione

Golpe in Zimbabwe: il presidente Mugabe nelle mani dell'esercito

Zimbabwe, Mugabe torna in pubblico. Continuano le pressioni per farlo dimettere

Il presidente ha partecipato a una cerimonia di laurea ad Harare, dopo le notizie secondo cui i militari avrebbero preso il potere