Lunedì 01 Febbraio 2016 - 14:15

Regno Unito, sì a modificazione genetica di embrioni umani

La licenza prevede che gli embrioni modificati non siano destinati alla riproduzione, cioé che non possano essere impiantati

Regno Unito, sì alla modificazione genetica di embrioni umani

L'autorità britannica per la fertilizzazione umana e l'embriologia (HFEA) ha dato per la prima volta l'autorizzazione agli scienziati britannici di modificare geneticamente gli embrioni umani. Con una nota, l'authority ha fatto sapere di aver approvato la licenza per utilizzare la modificazione genetica in una ricerca al Francis Crick Institute di Londra, che chiese il permesso nel settembre 2015. L'obiettivo è comprendere meglio i primi momenti della vita umana. Gli embrioni saranno donati da coppie che si sottopongono alla fertilizzazione in vitro. Con l'approvazione, le ricerche potranno iniziare nei prossimi mesi. "Il motivo per cui è così importante è il fatto che aborti e infertilità sono estremamente comuni, ma non sono ben compresi", ha dichiarato Kathy Niakan, medico responsabile della ricerca. La licenza, ha precisato, prevede che gli embrioni modificati non siano destinati alla riproduzione, cioé che non possano essere impiantati.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Il ministro Grillo in visita all\'ospedale del Mare a Napoli

Vaccini, i chirurghi alla ministra: "Non ascolti apprendisti stregoni"

Una nota delle associazioni di categoria. "La ministra ha tutti gli strumenti per decidere in maniera corretta"

campagna di vaccinazione contro influenza suina

Morbillo, in 6 mesi 2029 casi: 4 decessi, il 91.3% non era vaccinato

Il quadro che emerge dall'ultimo bollettino dell'Istituto superiore di sanità

Inaugurazione nuova area hospice oncologico ospedale sacco

A Milano è allarme legionella: terza vittima in tre giorni

Sono 17 gli infettati dal batterio killer tra Bresso, Cormano e Cusano Milanino

vaccini antinfluenzali

Record vaccini nel 2017: 123 milioni di bambini nel mondo

Nove su dieci sono protetti da difterite-tetano-pertosse