Domenica 09 Aprile 2017 - 14:00

Regno Unito, il principe Carlo ha avuto una "infanzia infelice"

Lo rivela la biografia scritta da Sally Bedell Smith

Il principe Carlo

Londra (Regno Unito), 9 apr. (LaPresse/EFE) - Il principe Carlo, erede al trono britannico, ha avuto una "infanzia infelice", nella quale il suo unico "appoggio familiare" era dato dalla nonna materna, la regina madre. Lo si legge in alcuni estratti della biografia 'Principe Carlo: le passioni e i paradossi di una vita improbabile' scritta dalla Sally Bedell Smith, pubblicati oggi dal Sunday Times. "Carlo la visitava con frequenza a Royal Lodge, la sua casa color rosa pallido nel Windsor Great Park, quando i suoi genitori erano fuori", si legge nel capitolo anticipato dal domenicale, in cui si racconta che la regina madre "non esitava mai a dargli gli abbracci di cui aveva bisogno, che non riceveva mai dai propri genitori". Proprio la nonna avrebbe aperto a Carlo "le porte del mondo dell'arte e della musica che, secondo lui, i suoi genitori non apprezzavano in maniera adeguata". Bedell Smith, giornalista di Vanity Fair, ha scritto in passato le biografie della regina Elisabetta II e di lady Diana.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

calicegira

Da Vetrerie Empoli calice che gira per il vino

Il bicchiere oscilla grazie a un cuscinetto a sfera ed è brevettato

Bottura perde il primato come miglior ristorante al mondo

Bottura perde il primato di miglior ristoratore al mondo

E' secondo nella 50 Best Restaurants, al primo posto Daniel Humm

'F' protagonista al FuoriSalone con la 'F design Week 2017'

'F' protagonista al FuoriSalone con la 'F design Week 2017'

L'Hotel Magna Pars Suites di Milano ospiterà la settimana di eventi dal 4 al 9 aprile

INTERVISTA 8 marzo, Incontrada: Ricordiamo donne che hanno lottato per noi

Incontrada: Giorno speciale per ricordare quello che siamo

L'attrice celebra la festa delle donne alla presentazione della capsule collection Primavera/Estate disegnata per Elena Mirò