Venerdì 12 Gennaio 2018 - 16:15

Regionali, Swg: "Non sarà voto fotocopia delle Politiche, le candidature pesano"

L'intervista a Maurizio Pessato, presidente dell'istituto Swg, sulle elezioni in Lazio e Lombardia

Elezioni regionali in Catalogna, scrutinio delle urne in corso

Il 4 marzo sarà 'election day'. Non si voterà soltanto per le elezioni politiche ma anche per il rinnovo delle amministrazioni in alcune regioni italiane. Su tutte Lazio e Lombardia. LaPresse ne ha parlato con Maurizio Pessato, presidente dell'istituto Swg.

Il 4 marzo si aspetta un voto fotocopia fra politiche e regionali o gli elettori faranno dei distinguo?

"Andando a prendere i dati degli ultimi election day si vede che c'è un voto disgiunto. Le persone distinguono, certo non lo fanno al 100% perché le aree di appartenenze esistono, ma la percentuale di elettori che voterà in maniera diversa fra politiche e regionali c'è e non è minima. Non si possono fare generalizzazioni, dipende molto da caso a caso ma sul territorio le persone contano.

Nell'ambito del centrosinistra quanto un accordo fra Leu e Pd può cambiare le sorti del voto regionale?

"Un accordo certamente avrebbe un peso anche se è difficile da quantificare. Negli anni si è visto come l'offerta di una coalizione, di una proposta ampia, e la capacità di presentarsi come un alleanza, anche se articolata e composta da diverse sensibilità politiche, incida nei confronti dell'elettorato."

In Lombardia il centrodestra parte favorito. La candidatura di Fontana rispetto a Maroni cambia qualcosa?

"Guardando la storia politica della regione ci sono maggiori probabilità di una vittoria del centrodestra. Il fatto che il candidato non sia il governatore uscente Maroni ma un'altra figura politica potrebbe però creare qualche problema. Anche perché l'esperienza che si è conclusa è stata giudicata complessivamente in maniera positiva"

Capitolo Lazio. Il Movimento 5 Stelle, dopo Roma, ha la possibilità di aggiudicarsi anche la regione?

"Senza dubbio le possibilità del M5S sono maggiori in Lazio che in Lombardia visto che al nord si è dimostrato più debole. Bisogna capire quanto può incidere la situazione di Roma ma, valutando l'elettorato dei 5 Stelle, in questo caso l'election day potrebbe portare ad un favorevole effetto traino anche a livello regionale".

Restando nel Lazio il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, potrebbe essere il candidato vincente per il centrodestra?

"Prima di tutto bisogna vedere se il centrodestra si presenterà unito e non diviso. La figura di Pirozzi è sicuramente simbolica. Lui rappresenta bene il mondo delle realtà locali, le esigenze dei piccoli comuni. Bisogna vedere quanto questo possa poi avere un riscontro ad un livello più generale".
 

Scritto da 
  • Andrea Capello
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, gli arrivi alla seduta inaugurale della nuova Camera della diciottesima legislatura

Di Maria (Pd): "Sul dialogo con M5S consultiamo gli iscritti"

Parla il tesoriere del gruppo dem alla Camera. "Premessa al dialogo: chiudere con la Lega. O parlano con loro o parlano con noi"

Elezioni Regionali Molise, vince Donato Toma

Molise, chi è presidente Toma che ha riportato il centrodestra a vittoria

Ha vinto grazie alla coalizione di centrodestra che aveva all'interno ben nove partiti

Quirinale -  Roberto Fico riceve il mandato esporativo

Governo, si apre forno M5S-Pd. A Fico il mandato, Di Maio molla Salvini

Il leghista furioso: "Questo incarico è una presa in giro". Marcucci e Orfini: "Non esistono condizioni per maggioranza con grillini"

Elezioni regionali Molise, chiusura campagna elettorale Movimento 5 stelle

Di Maio presenta contratto: "Non sarà esecutivo di coalizione"

Pubblicato sul Blog delle Stelle. Il professor Giacinto Della Cananea ha redatto il primo schema di accordo "che andrà approfondito insieme alla forza politica che accetterà di sedersi al tavolo con noi"