Domenica 08 Maggio 2016 - 09:15

Reggio Emilia, 22enne ruba e madre lo copre con falso alibi: denunciati

Il caso a Poviglio, nella provincia Reggiana

Reggio Emilia, 22enne ruba e madre lo copre con falso alibi: denunciati

 Alla guida della Mini Cooper della mamma, intercettato dai Carabinieri dopo un furto, si è dato alla fuga dando vita a un concitato inseguimento per oltre 15 chilometri a velocità anche di 180 km orari. E' riuscito a dileguarsi ma non ad assicurarsi l'impunità sebbene la mamma sentita dai Carabinieri abbia cercato di eludere le indagini. I Carabinieri infatti oltre ad essere riusciti a rilevare la targa hanno riconosciuto il conducente in un giovane di Poviglio (Reggio Emilia), noto anche ai Carabinieri di Boretto per piccoli precedenti di polizia in materia di reati contro il patrimonio.

E' finita con la denuncia per furto aggravato su autovettura  nei confronti di un 22enne mentre la mamma, una casalinga 47enne povigliese, è stata denunciata per favoreggiamento personale. L'altra mattina il giovane dopo aver rubato la borsa da un'autovettura parcheggiata a Brescello era fuggito in direzione Boretto alla guida di una Mini Cooper.

 

L'autovettura del ladro segnalata al 112 da alcuni testimoni è stata intercettata a Boretto dai Carabinieri che hanno inseguito il conducente che non si è fermato all'alt intimatogli dai militari. L'uomo è fuggito, ma è stato inseguito e riconosciuto dai Carabinieri: è stato denunciato per furto. La mamma che ha cercato di eludere le indagini negando l'uso della sua auto da parte del figlio  è finita quindi nei guai per favoreggiamento personale. Oltre alla denuncia al conducente e alla mamma (quale proprietaria dell'auto) sono state contestate una serie di infrazioni stradali commesse dal 22enne durante l'inseguimento ,sorpasso in curva, velocità pericolosa, mancato arresto all'alt di polizia e contromano.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere

Roma,Movimenti per la Casa contro lo spettacolo di Beppe Grillo al Teatro Flaiano

Coniugi uccisi a Viterbo: fermato il figlio a Ventimiglia

I corpi delle vittime erano stati trovati avvolti nel cellophane dall'altra figlia della coppia

Arrestato Igor, l'assassino spietato di Budrio: era in Spagna

Era ricercato da mesi. Fermato dopo un conflitto a fuoco in cui ha ucciso tre persone