Sabato 04 Novembre 2017 - 09:00

Regeni, tutor al Cairo: "Non l'abbiamo messo a rischio. Cercate i veri colpevoli"

Rabab El Mahdi si difende dopo le accuse e i sospetti pubblicati sui media italiani

Roma, fiaccolata in ricordo di Giulio Regeni

"Sono scioccata e arrabbiata. Non l'abbiamo messo a rischio. Cercate i veri colpevoli". E' la difesa sul Corriere della Sera di Rabab El Mahdi, la tutor di Giulio Regeni dopo le accuse e i sospetti pubblicati sui media italiani sulla supervisor di Cambridge Maha Abdelrahman e su lei stessa.  "Giulio - racconta la professoressa - ha scelto l'argomento e ha cercato supervisor esperti sul tema". Poi ancora: "Come accade con ogni studente, le domande erano state elaborate da Giulio. I supervisori assicurano che siano rilevanti e lo aiutino a rispondere alla più ampia domanda della sua ricerca. Ancora una volta, vorrei ricordare che il video segreto fatto dal venditore ambulante Mohamed Abdallah lo mostrava mentre discuteva con Giulio non a proposito delle domande della sua ricerca, ma del finanziamento da 10mila sterline. Se Giulio avesse posto domande inappropriate o sospette nell'ambito della sua ricerca, avremmo visto anche quelle, ma non è così. Questo tipo di dubbi sembra dare a Giulio la colpa per quello che ha sofferto e suggerire che gli sia accaduto per via delle domande che ha fatto".

"Durante la ricerca sul campo - dice - tutti gli studenti devono prendere appunti e scrivere report. Non so se Giulio li avesse scritti o no, con me non ne ha condivisi. Ma è una cosa usuale, e non c'è niente di strano nel fatto che siano stati trovati dei report nel suo portatile. No so se li avesse condivisi con Abdelrahman o no, e in quale data questo possa essere accaduto, ma non ha significato né peso. Cercare di presentare come dubbio o sospetto questo processo è ignorante e contribuisce a mascherare la verità su chi sia colpevole del rapimento e della tragica morte di Giulio".

E alla domanda se abbia incontrato gli investigatori italiani, la tutor risponde: "Certo, li ho incontrati poco dopo l'assassinio e ho risposto a tutte le loro domande. Ed è assolutamente falso suggerire il contrario. Sia la sua supervisor di Cambridge che io e le nostre istituzioni siamo stati coinvolti sin dalla sparizione, contattando le autorità egiziane e italiane e facendo tutto il possibile per aiutare. Nonostante il trauma, io sono andata al funerale in Egitto e la sua supervisor di Cambridge a quello in Italia. Se avessimo avuto qualcosa da nascondere o non avessimo voluto cooperare, non lo avremmo fatto. Questo è stato un trauma per entrambe, ha avuto un peso sulle nostre vite accademiche e personali. E' per integrità e rispetto che entrambe, e specialmente Abdelrahman, siamo state lontane dai media, perché il caso deve restare sotto i riflettori, non noi e il nostro dolore".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"

Morte Riina, i familiari all'ospedale di Parma per l'autopsia.

Morte Riina, autopsia a Parma. La figlia ai cronisti: "Rispettate il dolore"

Le condizioni del boss si erano aggravate dopo due interventi chirurgici