Mercoledì 18 Luglio 2018 - 22:00

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Matteo Salvini vola a sorpresa in Egitto e, nella veste ministro dell'Interno e vicepremier, bussa alla porta del presidente Al-Sisi. Tanta la carne al fuoco con il paese che affaccia sul Nilo: dalla sicurezza, all'immigrazione, al contrasto al terrorismo, ma soprattutto l'omicidio di Giulio Regeni, ucciso al Cairo il 2 febbraio del 2016. Al-Sisi, come ha confermato lo stesso Salvini, "ha assicurato sarà fatta chiarezza e giustizia, per la famiglia e per l'Italia, in modo rapido e con risposte certe".

Intanto dall'Italia sull'argomento parla anche il premier Giuseppe Conte spiegando che quella del responsabile del Viminale è stata una visita concordata e che successivamente ce ne sarà una seconda, del ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi. "Il presidente del Consiglio, invece, si muoverà quando ci saranno alcuni passaggi che riteniamo significativi. C'è un percorso che stiamo seguendo e che speriamo porti alla soluzione che auspichiamo, ovvero giustizia", spiega.

Il capo di Stato egiziano, durante il colloquio a cui hanno partecipato anche il ministro dell'Interno egiziano Mahmoud Tawfiq, del capo della General Intelligence egiziana, Abbas Kamel, e dell'Ambasciatore italiano al Cairo, Giampaolo Cantini, ha rinnovato la volontà e il desiderio di raggiungere risultati definitivi nelle indagini sull'omicidio di Regeni, tramite l'individuazione degli autori e la loro consegna alla giustizia, ponendo l'accento anche sull'interesse dell'Egitto a cooperare con le istituzioni competenti e le autorità giudiziarie italiane.

Le indagini e la 'cooperazione' tra la procura di Roma e quella egiziana sono infatti arrivate a un punto morto, con i pm romani che lamentano un muro egiziano difficile da abbattere. Qualora non ci fossero novità entro il mese di settembre, la procura di Roma non avrebbe intenzione di continuare con gli incontri bilaterali. Fermo restando l'obiettivo di fare giustizia per Giulio, l'Italia e l'Egitto, hanno convenuto sia Salvini che Al-Sisi, devono mantenere in positivo le relazioni bilaterali e rafforzarle sul piano economico-culturale e sulla sicurezza.

 

Loading the player...

"Con Al Sisi abbiamo parlato di un'azienda come Eni - ha argomentato il vicepremier - che sta garantendo prosperità e lavoro in Egitto e in Italia". Il presidente Al Sisi ha evidenziato infatti l'importanza di intensificare la cooperazione tra Egitto e Italia a diversi livelli e di realizzare una partnership strategica tra i due Paesi.

Sul fronte migranti, il titolare del Viminale ha ricordato che l'Egitto "da ormai più di un anno non fa partire un immigrato clandestino in direzione Europa senza chiedere nulla in cambio, a differenza di altri paesi: ogni riferimento ai sei miliardi di euro richiesti e voluti dalla Turchia è evidentemente voluto e desiderato". Un tema che si lega a stretto giro con quello del terrorismo islamico su cui Salvini ha rinnovato "le buone pratiche e collaborazione tra le forze di sicurezza italiane e egiziane, perchè da parte egiziana hanno confermato che i foreign fighter saranno sempre più un problema per l'Italia e per l'Europa. Dalle loro notizie tra i cosiddetti migranti ci sono anche i cosiddetti combattenti islamici di ritorno".

Italia ed Egitto hanno convenuto sull'importanza di risolvere la crisi libica, basandosi sulla ricostruzione delle istituzioni statali, in particolare parlamento e forze armate. Questo nel pieno rispetto e applicazione dell'accordo di Skhirat, a sostegno del Rappresentante Speciale ONU Salamé. Nel colloquio sono state inoltre discussi mezzi per intensificare ulteriormente gli sforzi comuni e la collaborazione bilaterale nella lotta al terrorismo.

Scritto da 
  • Donatella Di Nitto
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Genova, Toninelli: "Vertici Autostrade si dimettano, multe da 150 milioni"

Il ministro dei Trasporti duro su Facebook: "Attivate tutte le procedure per l'eventuale revoca delle concessioni"

Survivor voice Europa - Incontro internazionale delle vittime dei preti pedofili

Preti pedofili: 70 anni di abusi in Pennsylvania

Un grand jury ha riconosciuto la colpa di 300 sacerdoti sul oltre mille bambini

La nave Aquarius torna in mare a Marsiglia

L'Aquarius sbarca a Malta. Sei Paesi Ue accoglieranno i migranti

Via libera per l'attracco a La Valletta. Francia, Portogallo e Spagna coinvolti per la redistribuzione di 141 persone a bordo e di altre 103 su altre navi

Genova, da Baroni (M5S) tweet contro grandi opere, poi lo rimuove. Web insorge: "Sciacallo"

Bufera sul deputato pentastellato. Pd: "Usa la sciagura per fare propaganda"